QR code per la pagina originale

Steve Jobs è morto e c’è chi se ne approfitta

La morte di Steve Jobs ha dato via ad alcune truffe su Facebook.

,

Tutto il mondo piange oggi la morte di Steve Jobs, uno dei più grandi geni di questo secolo. Eppure, c’è anche chi si è approfittato della scomparsa dell’ex CEO di Apple con una truffa su Facebook messa in atto nelle ultime ore.

In memoria di Steve, una società regalerà stasera 50 iPad. R.I.P Steve Jobs [link].

Questo il messaggio diffuso sul social network di Palo Alto, accompagnato da un link ingannevole che passa attraverso il servizio bit.ly: oltre 15.000 utenti sono caduti nella trappola nel giro di pochissime ore. In realtà, l’utente vittima della truffa veniva reindirizzato a diversi annunci pubblicitari geolocalizzati, quali annunci di casinò online, store di vario genere, fantomatici sondaggi da completare e via dicendo.

Siti che insomma non avevano nulla in comune con l’improbabile offerta proposta, dicevano, per ricordare Steve Jobs. La triste iniziativa aveva uno scopo ben preciso: quello di sfruttare la scomparsa di un personaggio tanto amato quanto il genio che ha saputo innovare nel settore tecnologico, così da generare volumi di traffico elevato e di conseguenza ricavare denaro dall’advertising.

Il link su Facebook è stato rimosso ma è probabile che questa non sarà l’unica truffa che si vedrà in relazione alla prematura scomparsa di Steve Jobs. I truffatori sul Web sono ormai diffusi massicciamente. Peccato che non possano invece trarre ispirazione da discorsi come quello fatto dall’ex CEO Apple alla Stanford University nel 2005, proposto qui di seguito con i sottotitoli in italiano.

Notizie su: