QR code per la pagina originale

HTC acquista la Inquisitive Minds

HTC ha acquistato Inquisitive Minds, sviluppatore di software e giochi per bambini. In previsione un tablet dedicato ai più piccoli?

,

HTC, noto produttore di smartphone, ha annunciato l’acquisto della Inquisitive Minds, azienda statunitense che produce software per l’infanzia. L’acquisizione è stata completata sulla base di 13 milioni di dollari: si tratta di un investimento a lungo termine che, nei progetti dell’azienda, servirà alla fornitura di applicazioni mobile destinate ai bambini.

Questa frase ha subito fatto pensare alla possibilità che il produttore taiwanese possa essere interessato alla creazione di dispositivi destinati proprio all’infanzia. D’altronde lo stesso amministratore delegato, Peter Chou, ha recentemente dichiarato che l’azienda era alla ricerca di ulteriori acquisizioni e la cosa non può che essere finalizzata ad una estensione della base d’utenza attuale, consolidando altresì la presenza del gruppo nei mercati in cui ha impegnato i propri investimenti.

HTC è il quinto produttore di smartphone al mondo e, in un mercato così attivo, ogni possibile trattativa è importante per garantirsi nuovi utenti e consumatori. Con l’acquisizione di Inquisitive Minds, HTC mette le mani anche su Zoodles, marchio sotto il quale sono raggruppati una serie di applicazioni e giochi dedicati ai bambini.

Apparso per la prima volta nel 2009 in una versione gratuita, Zoodles è anche disponibile in una versione a pagamento che costa 55.95 dollari all’anno. E sebbene Zoodles continuerà ad operare in maniera autonoma, la possibilità di vedere sul mercato un prodotto marchiato HTC e destinato ai bambini è a questo punto elevata. Da parte sua HTC prevede di lanciare un nuovo tablet nel 2012: in un settore così competitivo come quello delle tavolette, i produttori hanno bisogno di distinguersi dalla massa e la scelta di HTC potrebbe ricadere proprio sui più giovani come terreno di conquista ancora sgombro dal fascino dell’iPad.

Fonte: Financial Times • Via: Economic Times • Notizie su: