QR code per la pagina originale

PlayStation Vita, in Europa a febbraio

PlayStation Vita sarà disponibile in Europa e USA dal 22 febbraio. La sfida non sarà più solo contro Nintendo, ma anche con Apple e gli altri smartphone.

,

PlayStation Vita, la nuova console di gioco portatile prodotta da Sony, sarà disponibile in Europa, Stati Uniti, Canada e America Latina dal 22 febbraio. Il lancio è previsto in contemporanea nei vari paesi con prezzi che vanno da 249 euro per la versione solo Wi-Fi e 299 euro per quella Wi-Fi + 3G.

Approfittando del Web 2.0 Summit di San Francisco, Jack Tretton – leader della divisione gaming di Sony – ha spiegato che PS Vita rappresenta un nuovo tentativo da parte del gruppo di entrare nel campo mobile e l’obiettivo è quello di competere non solo con l’altra portatile sul mercato, il Nintendo 3DS, ma anche con smartphone del calibro dell’iPhone di Apple. PS Vita, dunque, avrà dunque un grande obiettivo: attirare quella fetta di utenza che desidera un prodotto più versatile, maggiormente basato sulle funzionalità online, e con a disposizione una connessione 3G (opzionale) qualora si volesse connettersi in mobilità. È volutamente più simile ad uno smartphone perché i giochi mobile sono diventati incredibilmente popolari negli ultimi anni. Ha infatti spiegato Tretton: «l’avvento del gaming su smartphone è oggi qualcosa di vicino a ciò che stiamo cercando di realizzare e pensiamo di poter arrivare anche in questo campo».

L’handheld debutterà in Giappone a dicembre e dunque in quel territorio non mancherà all’appuntamento natalizio; negli altri Paesi ciò non è stato possibile poiché, si dice, Sony non avrebbe potuto garantire qui un lancio ad hoc per quanto riguarda i giochi. Tra i titoli che l’azienda renderà disponibili in contemporanea con l’uscita di PS Vita, vi saranno brand attesi quali Uncharted: Golden Abyss, Resistance: Burning Skies e WipEout.

Tretton è salito sul palco del Web 2.0 Summit per mostrare alcune caratteristiche di PS Vita, che oltre ai titoli sarà capace di far scattare anche foto e registrare video direttamente dai giochi, condividere statistiche su social network come ad esempio Facebook e YouTube, nel tentativo di coinvolgere maggiormente l’utenza. L’elemento sociale sarà caratteristica fondante dell’handheld, ma bisognerà vedere se riuscirà a ritagliarsi un buon spazio oggi in un’epoca in cui gli smartphone e i tablet sono in continua evoluzione.

Fonte: Business Insider • Via: PC World • Immagine: TechCrunch • Notizie su: ,
Commenta e partecipa alle discussioni