QR code per la pagina originale

Siri su iPhone 4 e iPod Touch, superati i server Apple

Il porting non ufficiale di Siri su iPhone 4 e iPod Touch è ora pienamente funzionante. Ma lo sviluppatore non lo distribuirà su Cydia.

,

Una buonissima notizia arriva dal fronte della feature più chiacchierata del momento: Siri. L’assistente intelligente e tuttofare di iPhone 4S, di cui nei giorni scorsi si è tentato un porting sugli altri dispositivi targati Mela, è ora pienamente funzionante su iPod Touch e iPhone 4. Ma chi spera di poter utilizzare in modo non ufficiale Siri su questi iDevice, dovrà ricredersi: lo sviluppatore che ha reso possibile il tutto non sembra essere interessato a distribuire il sistema su Cydia per i sistemi sottoposti a jailbreak.

Fino alla scorsa settimana, il processo di reverse engineering aveva dimostrato come Siri fosse compatibile non solo con il nuovissimo iPhone 4S, ma anche con tutti i dispositivi Apple dotati di un processore A4. Un ostacolo non da poco, tuttavia, ne inficiava il funzionamento completo: l’impossibilità di accedere ai server Apple. Il cervello di Siri, infatti, è completamente “on the cloud” e Cupertino ne vieta l’accesso a strumenti diversi dal più recente dei melafonini.

La caparbietà dell’esperto Steven Troughton-Smith, colui che si è a preso a cuore il porting non ufficiale di Siri, tuttavia è riuscita a superare l’ostacolo dei server e ora l’assistente vocale è funzionale al 100% anche su iPhone 4 e iPod Touch. Come è stato possibile? Il developer ha dovuto sottoporre un iPhone 4S al jailbreak tethered per capire in che modo si avesse accesso alla nuvola, quindi ha integrato il processo negli altri dispositivi che, di fronte ai controlli di Cupertino, fingono di essere il nuovo melafonino. Una notizia davvero eccitante per tutti gli utenti Apple, che rivela però la brutta sorpresa dell’assenza su Cydia. Interrogato da 9to5Mac sulla questione, Steven ha infatti risposto:

«No, non potrei farlo [distribuire Siri via Cydia, ndr]. Non ho dubbi che altri lo faranno e lo distribuiranno quasi illegalmente, o cercheranno di venderlo agli utenti. Io sono solo interessato alla tecnologia e al suo funzionamento, provando come possa funzionare bene anche su iPhone 4 e sugli altri dispositivi.»