QR code per la pagina originale

Julian Assange estradato in Svezia

Julian Assange, padre del progetto Wikileaks, sarà estradato in Svezia: la Corte ha autorizzato la richiesta, possibile un ricorso alla Corte Suprema.

,

La Svezia avrà Julian Assange. L’arresto nel Regno Unito e la successiva detenzione agli arresti domiciliari hanno infatti tenuto lontano dal paese il fondatore del progetto Wikileaks, ma ora i nodi stanno per giungere al pettine: la Corte ha autorizzato l’estradizione.

La vicenda è complessa ed oltremodo controversa. In Svezia, infatti, Assange è accusato di violenza sessuale da parte di due donne che lo avrebbero incontrato a Stoccolma nel 2010. Il diretto interessato ha ovviamente respinto ogni accusa, ma il motivo del contendere sembra essere in questo caso ben più serio della sola estradizione verso la Svezia.

Secondo alcune ipotesi, infatti, l’accusa di violenza sessuale potrebbe essere più che altro strumentale alle volontà degli Stati Uniti di avere in mano colui il quale con la pubblicazione dei noti documenti segreti delle istituzioni di tutto il mondo ha messo in seria crisi i rapporti diplomatici tra le grandi forze del pianeta. Gli USA vogliono Assange e per giungere all’obiettivo avevano bisogno di riportarlo in Svezia: obiettivo raggiunto.

[vimeo]http://vimeo.com/25113282[/vimeo]

Il team legale di Assange potrebbe ancora fare appello alla Corte Suprema, ma sui prossimi passi v’è ancora relativo mistero. Un sito Web è stato pubblicato per narrare l’intera vicenda e per fare in modo che i vari passaggi siano testimoniati in modo trasparente. Così che tutti sappiano.

Fonte: Sweden vs Assange • Via: Guardian • Notizie su: