QR code per la pagina originale

Nielsen fotografa la Generazione App

Il mercato degli smartphone è in crescita negli USA soprattutto tra gli adulti. Android sempre il preferito, seguono iPhone, BlackBerry e Windows Phone.

,

Il mercato mobile è in continua e rapida crescita negli USA ma le preferenze degli americani tra iPhone e telefoni Android sono rimaste quasi esattamente invariate rispetto a quanto registrato tre mesi fa. L’iPhone continua a detenere il 28% del mercato degli smartphone e Android si mantiene saldamente nella prima posizione tra i sistemi operativi mobile più popolari d’America, con il 43% della quota di mercato. Apple, però, è nuovamente il numero uno tra i produttori di smartphone.

È quanto rivela Nielsen con il nuovo rapporto sulla situazione del mercato degli smartphone negli Stati Uniti in riferimento al terzo trimestre dell’anno in corso. Numeri invariati rispetto ai dati dei tre mesi precedenti, quando la quota dell’iPhone era esattamente del 28% e del 43% per Android. Terza in classifica è Research in Motion, la cui quota di BlackBerry piazzati nel mercato USA si attesta al 18%, seguita da Windows Phone con il 7%. Bada, Symbian e gli altri sistemi operativi “minori” costituiscono insieme una quota del 4%.

Smartphone negli USA - Q3 2011

Smartphone negli USA - Q3 2011

Considerando la situazione mobile da un punto di vista generale, si rileva come gli smartphone rappresentino ad oggi il 43% di tutti i telefoni cellulari attivi negli Stati Uniti. Il 57% della popolazione usa ancora i cosiddetti feature phone, ovvero i cellulari base, privi delle nuove funzionalità basate sul Web. Gli americani stanno però cominciando a poco a poco ad abbandonare definitivamente questi ultimi, per preferire uno smartphone: sono soprattutto gli adulti della fascia d’età compresa tra i 18 e i 44 anni ad averli preferiti. Restii ad abbandonare i feature phone per fornirsi di device dalle maggiori funzionalità sono gli over 60, tra i quali la percentuale di smartphone è comunque cresciuta del 5% anno su anno.

Fonte: Nielsen • Notizie su: