QR code per la pagina originale

Apple: guai mischiare porno e iPhone

Apple ha presentato una denuncia contro sette domini che presentano la parola iPhone, ma reindirizzano verso siti pornografici.

,

Apple non è certo stata contenta di sapere che alcuni domini su Internet, che comprendono la parola iPhone, sono in realtà redirect a siti pornografici. Ed è per questo che la società di Cupertino ha presentato una denuncia presso l’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (World Intellectual Property Organization WIPO) al fine di ottenere la chiusura coatta di tali siti allontanando la pornografia dal proprio brand.

Si tratta di una lista di sette domini che, a quanto pare, sfruttano la popolarità di una keyword come iPhone sui motori di ricerca, cercando invece di reindirizzare il traffico verso sorgenti che nulla hanno a che vedere con il popolare melafonino. La creazione del dominio è pertanto una strategia prettamente SEO: si punta su una chiave particolarmente calda e si tenta di monetizzare il traffico raccolto facendo leva su contenuti pruriginosi. Ma se Apple mal digerisce lo sfruttamento dei propri trademark già in condizioni normali, in questo contesto non può che considerare ingiustificabile ogni forma di tolleranza. Ed ha pertanto mosso il proprio braccio legale.

I siti accusati fanno riferimento a domini di questo tipo:

  • iphonecam*****.com
  • iphonecam**.com
  • iphoneporn**.com
  • iphonesex**.com
  • iphonexxx*****.com
  • iphone**.com
  • *****iphones.com

Tra questi siti, uno in particolare fa riferimento esplicito al nome “iPhone4S” pur essendo stato registrato nel 2008, pertanto ben in anticipo rispetto all’uscita dell’ultimo smartphone di casa Apple.

La questione, ora, passa nelle mani del WIPO che potrebbe decidere a favore di Apple in poche settimane. Apple, quindi, potrebbe presto ottenere il trasferimento dei domini o la chiusura dei siti accusati.

Fonte: GigaOM • Via: Domani Name Wire • Notizie su: