QR code per la pagina originale

Google: le SERP son buone se son fresche

Google promette di offrire risultati più freschi sul proprio motore perché spesso le query sono formulate nell'auspicio di trovare link aggiornati.

,

Google lavora quotidianamente per offrire agli utenti risultati sempre più precisi e sempre più soddisfacenti. Dietro alle query, però, si celano spesso delle informazioni implicite che, valide nella stragrande maggioranza dei casi, potrebbero consentire un affinamento delle risposte per rendere i link proposti quanto più rilevanti possibile.

L’età delle informazioni può avere in tal senso un ruolo particolarmente importante. Google, infatti, spiega di aver identificato diverse tipologie di query a cui fanno riferimento diverse tipologie di risposte. Nella fattispecie, talune richieste implicano la necessità di una risposta che non scavi troppo nel passato, anzi: più è fresca l’informazione ricavata, più l’utente sarà soddisfatto. Spesso e volentieri, infatti, i risultati più recenti sono quelli più aggiornati e per questo motivo quelli più interessanti.

Google identifica in particolare 3 contesti a cui ricondurre la quasi totalità delle richieste:

  • Eventi recenti ed hot-topic: sono gli snodi fondamentali dell’informazione del momento, i macro-argomenti attorno a cui si raccolgono gran parte delle query in un dato momento. Negli Stati Uniti, ad esempio, sono in molti a cercare in questi giorni le informazioni sul lockout del campionato NBA: Google sa identificare le query sul tema ed andrà a calibrare le risposte sulla base di tale considerazione;
  • Eventi ricorrenti: ne sono un esempio le elezioni o le partite di un campionato. Le ricerche sono tendenzialmente relative all’ultimo evento (le ultime elezioni, l’ultima partita) e pertanto diventa estremamente più rilevante una pagina aggiornata che non una pubblicata nel passato;
  • Aggiornamenti frequenti: sono queste le query che cercano una fotografia immediata di una situazione. Chi cerca ad esempio la “miglior automobile”, vorrà incontrare una pagina nel quale si fa un raffronto estremamente aggiornato poiché soltanto una fotografia poco datata può essere una fotografia affidabile.
Ricerche differenti abbisognano di diversi gradi di freschezza. Le SERP vanno pertanto calibrate anche sulla base di tali considerazioni, affidando agli algoritmi Google la responsabilità di un approccio intelligente alla materia. Il motore di ricerca spiega di aver integrato questo tipo di paradigma in queste ore (a distanza di un anno dall’introduzione di Caffeine) e pertanto da oggi in poi Google si appresta ad offrire prodotti freschi per meglio sposare il gusto della propria utenza.

Fonte: Google • Notizie su: