QR code per la pagina originale

Google compra Apture

Google ha acquistato Apture, azienda che opera nella ricerca istantanea e contenuti correlati sulle pagine web.

,

Google ha messo a segno una nuova acquisizione nel contesto di un anno già denso di operazioni in entrata. Questa volta si tratta di Apture, una startup che opera sul web e sulla ricerca istantanea. Lanciata originariamente nel 2008, Apture sviluppa un plugin disponibile per Chrome, Firefox e Safari. Lo strumento offerto serve per effettuare ricerche immediate in una finestra quando viene evidenziata una parola su una pagina, sfruttando oltre 60 fonti sul web, tra cui YouTube, Twitter, Wikipedia e naturalmente Google.

Con l’aumentare dei contenuti e del volume delle ricerche, è diventato sempre più  importante eseguire ricerche in tempo reale verso articoli correlati senza lasciare una pagina che si sta visitando. Con un effettivo guadagno per i navigatori e per la loro esperienza online. Tristan Harris, co-fondatore dell’azienda, si è dichiarato consapevole dell’opportunità di sviluppare tecnologie che aiutino a cercare informazioni contestuali che aiutassero a capire ciò che si visita su una pagina web. E quando Google si è presentata per un’offerta, ha compreso che l’integrazione aveva un senso compiuto da assecondare.

D’altra parte si parla di un motore di ricerca il cui obiettivo primario è aiutare le persone a rendere le informazioni accessibili. Google, e il suo browser Chrome, è quindi la strada giusta per raggiungere quanti più utenti a cui sottoporre le qualità dell’idea Apture. Google si è dichiarata impressionata «dall’approccio della squadra di Apture per migliorare l’esperienza web browser» e che «la loro esperienza completerà gli sforzi del team di Chrome in questo settore ».

La sfida, ora, è portare le tecnologie di Apture dentro Chrome, sulla cui costante crescita Google sta puntando molto. Per Google, poi, si tratta di una doppia vittoria perchè potrà avere a disposizione il talento di Harris, che ha già lavorato per Apple e Wikia.

Fonte: Techcrunch • Notizie su: