QR code per la pagina originale

Google+ più intelligente con Katango

Google ha annunciato l'acquisizione di Katango, startup responsabile di un software che dovrebbe organizzare in modo automatico le Cerchie di Google+.

,

Oltre ad Apture, Google ha appena annunciato anche l’acquisizione di Katango, una startup che sviluppa algoritmi che migliorano l’interazione sociale online tra gli utenti. Google dovrebbe sfruttare l’applicazione lanciata da Katango per migliorare le cerchie di Google+ e trovare pertanto una nuova via da percorrere nella lotta contro Facebook.

Katango ha lanciato qualche mese fa un’app per iPhone che organizza automaticamente gli amici di Facebook attraverso un approccio algoritmico particolare, che trae i dati necessari dal profilo e dalle interazioni fatte dall’utente con ogni contatto. Ciò che fa comprendere come il gruppo di Mountain View voglia utilizzarla nel proprio social network lo si evince dalle parole di Bradley Horowitz, vice presidente di Google+: «Al lancio di Google+ avevo accennato al fatto che avevamo grandi progetti per le cerchie. Sei pronto per una certa magia nelle tue cerchie? Queste persone sono maghi!».

Frasi che fanno capire quale sia la fiducia che l’azienda ripone in Katango, cosa confermata anche dall’altra parte, tramite il sito Web ufficiale della startup: «Katango è stata fondata poco più di un anno fa per sviluppare algoritmi in grado di migliorare l’interazione sociale delle persone. Siamo entusiasti di far parte del team Google+ e continueremo a lavorare per portare avanti tale missione. Google+ è in un momento cruciale e quindi è il momento perfetto per unirci al team e rendere le Cerchie di milioni di persone più intelligenti».

Google prosegue pertanto i lavori per migliorare e arricchire l’esperienza su Google+. Gli utenti potrebbero quindi essere maggiormente agevolati nell’organizzazione delle cerchie sociali: dividere manualmente i contatti in gruppi diversi provoca un enorme dispendio di tempo. Con Katango, Google+ potrebbe farlo automaticamente.

Fonte: Search Engine Land • Notizie su: ,
Commenta e partecipa alle discussioni