QR code per la pagina originale

Intel Core i7-3960X e 3930K: prime CPU Sandy Bridge-E

I processori rappresentano il nuovo punto di riferimento prestazionale, ma non sono consigliati per un utente desktop.

Intel Sandy Bridge-E

,

Intel ha annunciato ufficialmente i primi due processori basati sull’architettura Sandy Bridge-E dedicata alla fascia alta del mercato. Successore di Gulftown con socket LGA 1366, Sandy Bridge-E introduce il nuovo socket LGA 2011 e il chipset Intel X79 Express che sostituisce il precedente Intel X58 Express.

I nomi dei processori sono Core i7-3960X e Core i7-3930K, entrambi caratterizzati da sei core con frequenze, rispettivamente, di 3,3 e 3,2 GHz (3,8 e 3,9 GHz con Turbo Boost). Il chip ha una dimensione di 20,8×20,9 millimetri (circa 435 mmq) per un totale di 2,27 miliardi di transistor a 32 nanometri, la maggior parte dei quali appartengono alla cache L3 (15 MB per il Core i7-3960X e 12 MB per il Core i7-3930K). Il prossimo anno arriverà anche un Core i7-3820 a 3,6 GHz (3,9 GHz con Turbo) con quattro core e 10 MB di cache L3.

I processori Sandy Bridge-E integrano un controller di memoria a quattro canali che supporta moduli DDR3 fino a 1.600 MHz. Questo implica dunque la necessità di acquistare un kit da quattro moduli identici. La nuova architettura è principalmente indirizzata al settore server/workstation, per cui manca la GPU integrata e la tecnologia Quick Sync presente nelle CPU Sandy Bridge per desktop e notebook. Le CPU integrano 40 linee PCI Express compatibili con lo standard 3.0, ma Intel garantisce la certificazione solo per le GPU PCI Express 2.0, in quanto non esistono in commercio schede video aderenti al nuovo standard.

ll chipset X79 è simile al P67, per cui integra sei porte SATA (due SATA 6 Gbps e quattro SATA 3 Gbps), 14 porte USB 2.0, Gigabit Ethernet, otto linee PCI Express 2.0 audio HD. L’implementazione originale del chipset prevedeva anche sei porte SAS 6 Gbps, ma la versione più completa arriverà solo nel 2012. Assente ancora il supporto nativo per USB 3.0.

Intel offre i processori Sandy Bridge-E senza sistema di raffreddamento. Gli utenti possono acquistare una soluzione ad aria (circa 20 dollari) o a liquido (85-100 dollari) dalla stessa azienda oppure scegliere prodotti di terze parti. Molto facile infine effettuare l’overclock della CPU modificando il moltiplicatore o la frequenza di clock base senza influenzare le frequenze dei vari controller.

Come era prevedibile, il Core i7-3960X stacca nettamente il processore AMD FX-8150 e, in alcuni ambiti di utilizzo, ha prestazioni simili al Core i7-2600K. Il Core i7-3960X ha un prezzo di 990 dollari, mentre il Core i7-3930K costa 555 dollari. A queste cifre bisogna aggiungere anche la spesa per il sistema di raffreddamento, per la scheda madre e per il kit di memoria. Gli utenti desktop quindi farebbero meglio ad aspettare Ivy Bridge.

Notizie su: