QR code per la pagina originale

Symantec esce dalla joint venture con Huawei

Huawei e Symantec hanno trovato un accordo per la cessione delle azioni della seconda nella joint venture creata nel 2008.

,

Huawai Technologies e Symantec hanno siglato un nuovo accordo che coinvolge la joint venture nata nel 2008 tra le due società. Stando a quanto ufficialmente riportato dai due gruppi, fatti, Huawai sarebbe riuscita a convincere Symantec a cedere il 49% posseduto da quest’ultima, per una cifra vicina ai 530 milioni di dollari.

Basata ad Hong Kong, tale joint venture aveva l’obiettivo di convogliare le conoscenze e le risorse di entrambe le aziende in un progetto mirato alla produzione di sistemi di telecomunicazione ed archiviazione dati che potessero mirare principalmente all’utenza business ed aziendale grazie all’elevato livello di sicurezza ed affidabilità garantito. A distanza di tre anni, dopo perdite economiche anche piuttosto esose, Symantec ha deciso di abbandonare il progetto, nel quale aveva investito a suo tempo 150 milioni di dollari.

Prima di poter considerare concluso l’affare, però, sarà necessario attendere il benestare delle autorità competenti, le quali dovranno verificare la bontà dell’accordo. Secondo le previsioni ciò avverrà nel corso del primo trimestre del 2012, durante il quale Huawei potrà considerarsi unico detentore delle azioni della joint venture e proseguire il progetto nella maniera ritenuta più opportuna. Al momento non è nota quale sia la strada che la società avrà intenzione di intraprendere, benché un simile investimento lasci intuire progetti di ampio respiro.

Dopo i primi anni contraddistinti da un andamento piuttosto lontano da quelle che erano le aspettative, insomma, Huawei e Symantec hanno ritenuto opportuno lasciare le redini del progetto nelle mani di una sola società, la quale dovrà ora imprimere una decisa accelerata in direzione opposta per far sì che le risorse impiegate finora possano produrre i frutti desiderati.

Fonte: Reuters • Notizie su: