QR code per la pagina originale

USA, un mese da record per i video online

Quasi 185 milioni di americani hanno visionato su internet almeno un filmato nel mese di ottobre. Trattasi di un nuovo record assoluto per il settore.

,

Nel mese di ottobre, quasi 185 milioni di americani hanno guardato video online. È il nuovo record assoluto registrato dalle ultime statistiche comScore diffuse nella giornata odierna.

Un dato impressionante: mai è stato registrato infatti un numero così alto di visualizzazioni in un solo mese, a ulteriore testimonianza che il fenomeno internet sta vivendo la fase più radiosa da quando ha cominciato a diffondersi nel mass market. Per la precisione sono 184,5 milioni gli utenti USA che hanno visionato un filmato online, per un totale complessivo di 42,6 miliardi circa di video visualizzati. Il tutto a vantaggio dei soliti grandi nomi che occupano gran parte del traffico Web a livello internazionale.

Ovviamente sono stati i siti Google, che comprendono in particolare YouTube (quasi 21 miliardi di video visualizzati), i più visitati in questo versante con quasi 161 milioni di utenti unici. Segue Facebook, merito della possibilità di poter integrare i filmati nelle condivisioni, anche dallo stesso YouTube, direttamente tra le sue pagine con quasi 60 milioni di utenti unici. Segue Vevo, vicinissimo ai 57 milioni. Google è altresì il sito sul quale l’utenza passa più minuti pro-capite grazie al fatto che YouTube sta ormai diversificando la propria offerta mettendo a disposizione un maggior numero di lungometraggi al fianco dei soliti filmati di pochi minuti caricati dagli utenti.

In posizione di rincalzo figurano invece i siti Microsoft (oltre 49 milioni di utenti unici), Yahoo (meno di 44 milioni) e Hulu (poco più di 29 milioni), ma il dato importante è quello complessivo che certifica l’inizio di una nuova era per internet e per i video online. Qualcosa di impensabile fino a dieci anni è oggi diventato normale quotidianità per chiunque dedichi un po’ del suo tempo libero a internet.

Fonte: comScore • Via: Softpedia • Notizie su: ,