QR code per la pagina originale

I servizi Microsoft presto su iOS e Android

Gli strumenti enterprise di Microsoft sbarcheranno presto sui dispositivi iOS e Android grazie ad una collaborazione con AgreeYa Mobility.

,

Gli strumenti di classe enterprise dedicate alle aziende realizzati da Microsoft sbarcheranno presto sui dispositivi mobile basati su iOS e Android. Ad annunciarlo è la stessa società con sede a Redmond, la quale ha ufficializzato una collaborazione con AgreeYa Mobility, gruppo operante nello sviluppo di soluzioni software dedicate a smartphone e tablet, che favorirà tale transizione.

A quest’ultima azienda Microsoft concederà dunque in licenza alcuni protocolli per la comunicazione con i propri server mediante servizi quali SharePoint, Windows Azure, Remote Desktop Services e Active Directory, i quali approderanno presto su dispositivi diversi da quelli targati Microsoft. L’obiettivo è quello di favorire la distribuzione dei prodotti del colosso statunitense nel mondo mobile, permettendo ai dipendenti di varie aziende di sfruttare i propri device anche a lavoro.

La parola d’ordine è dunque interoperabilità: dispositivi eterogenei, caratterizzati da diverse piattaforme operative e differenti produttori, potranno comunicare tra di loro accedendo ai servizi realizzati da Microsoft, i quali fungeranno da terra comune ove sarà possibile incrementare la produttività. In futuro, poi, si prevede l’allargamento di tale possibilità anche a prodotti realizzati da RIM oppure basati su WebOS, ampliando la gamma di dispositivi in grado di entrare a far parte dell’ecosistema enterprise di Microsoft.

Secondo alcune previsioni diramate da AgreeYa Mobility, una prima edizione della suite sarà disponibile nel corso del prossimo mese di marzo, dando il “La” ad una vera e propria colonizzazione degli store di applicazioni realizzati da Google ed Apple per i propri prodotti da parte di Microsoft. Quest’ultima, del resto, rappresenta in ambito aziendale uno dei nomi più presenti a livello mondiale ed una così rapida diffusione dei device mobile rappresenta una nuova possibilità per il gruppo guidato da Steve Ballmer.

Commenta e partecipa alle discussioni