QR code per la pagina originale

AMD Bulldozer: aumentano le prestazioni con una patch Microsoft

La patch per il kernel di Windows 7 e Windows Server 2008 R2 consente di aumentare le prestazioni dei processori Bulldozer.

Bulldozer 8 core

,

I processori della serie FX basati sull’architettura Bulldozer a 32 nanometri non hanno ottenuto recensioni molto positive in quanto, nonostante gli otto core, le prestazioni non solo all’altezza dei Core i5-2500K e i7-2600K di Intel. Il motivo risiede in parte nei moduli che condividono un’unica unità in virgola mobile. Microsoft è venuta in soccorso ad AMD pubblicando una patch per Windows.

L’architettura Bulldozer è di tipo modulare, ovvero gli otto core sono suddivisi in quattro moduli, ognuno con due core. In un modulo sono presenti un’unità in virgola mobile (FPU) a 256 bit (ogni core vede 128 bit), due unità a 128 bit per l’esecuzione delle istruzioni sugli interi, quattro pipeline e 16 KB di cache dati L1 per ogni core. La cache L2 da 2 MB invece è condivisa tra i due core, così come la cache istruzioni L1 da 64 KB, gli stadi di prelievo (Fetch) e di decodifica (Decode) delle istruzioni.

Questo tipo di architettura ha permesso al chipmaker di Sunnyvale di eliminare le unità ridondanti per ottenere un processore più piccolo e più economico. Gli attuali sistemi operativi però non riescono a gestire nel modo corretto l’esecuzione Simultaneous Multithreading (SMT), in quanto non integrano uno scheduler ottimizzato.

Con la patch rilasciata da Microsoft, Windows 7 e Windows Server 2008 R2 vedranno ogni modulo come un singolo core multithread. Quindi il sistema operativo considererà il processore a otto core come un processore a quattro core e otto thread. L’incremento di prestazioni sarà ovviamente visibile solo in applicazioni e giochi che sfruttano l’esecuzione multithread. Windows 8, invece, integrerà un nuovo scheduler che porterà ad un aumento di prestazioni fino al 10% rispetto a Windows 7.

Notizie su: