QR code per la pagina originale

I migliori client BitTorrent per Android

Ecco alcuni dei migliori client BitTorrent disponibili per smartphone e tablet Android

,

Il protocollo BitTorrent, tra i più utilizzati sui sistemi operativi per computer fissi e portatili, abbraccia anche device come smartphone e tablet. Sull’Android Market sono infatti disponibili alcuni software che permettono la condivisione di contenuti tramite file sharing, ecco i client migliori.

aTorrent (Android Market, gratuito) consente di aggiungere file .torrent alla lista dei download direttamente dal browser, oppure di trovare nuovo materiale mediante il motore di ricerca interno. La versione gratuita mostra messaggi pubblicitari, da rimuovere con l’acquisto di quella a pagamento.

aDownloader (Android Market, gratuito) utilizza il motore BTJunkie per la ricerca dei file, è caratterizzato da un’interfaccia semplice e non presenta alcun tipo di advertising. Inoltre, permette di configurare le velocità massime per upload e download, utile nel caso di connessione a network con banda limitata.

tTorrentLite (Android Market, gratuito) supporta download multipli, ma con una velocità massima pari a 250 kb/s. Con la versione premium a pagamento, questo limite e le inserzioni pubblicitarie vengono rimosse.

Rutracker Downloader (Android Market, gratuito) è compatibile con Android 2.2 Froyo e versioni successive del sistema operativo. Supporta download multipli e l’impostazione dei limiti per la velocità di trasferimento dei file.

Torrent-fu (Android Market, gratuito) rappresenta uno strumento utile alla gestione dei download BitTorrent da postazione remota, grazie a uTorrent WebUI. Si tratta, in sintesi, di un’applicazione che permette di monitorare e regolare il trasferimento dei pacchetti su un computer dove è installato uTorrent, mediante lo schermo di smartphone e tablet Android.

µTorrent Remote (Android Market, gratuito), allo stesso modo di Torrent-fu, consente di connettersi da qualunque postazione per controllare l’elenco dei download attivi nel software installato sul proprio computer domestico.

Notizie su: