QR code per la pagina originale

Facebook, l’advertising tra gli aggiornamenti

Facebook consentirà alle aziende di pubblicare contenuti sponsorizzati nel flusso di aggiornamenti ricevuto dagli utenti, ma solo nel 2012.

,

Il prossimo sarà un anno piuttosto importante per l’advertising su Facebook: nel 2012, infatti, il social network recentemente trasferitosi presso la nuova sede di Menlo Park introdurrà una nuova feature che consentirà di pubblicare post sponsorizzati all’interno del flusso di notizie degli utenti. Facebook, insomma, intende monetizzare al massimo la propria base d’utenza, puntando con decisione sulla pubblicità.

Trattasi chiaramente di una novità di assoluta importanza per le strategie di marketing online delle aziende presenti sul social network: poter pubblicare una news sponsorizzata all’interno del flusso di aggiornamenti, tra una foto ed un nuovo status, significa potersi collocare lì dove l’attenzione degli utenti è massima, con l’occhio che inevitabilmente si ritroverà quanto meno a prendere in considerazione quanto proposto dalla pubblicità. Presentare i propri ad come se fossero normali aggiornamenti di stato, dunque, vuol dire garantirsi una visibilità altrimenti impossibile da ottenere.

L’advertising sarà inoltre proposto agli utenti con lo stesso stile dei tradizionali aggiornamenti, differenziandosi esclusivamente per la dicitura che ne contraddistingue la natura di sponsor collocata nell’ultima riga: per rendersi conto che si tratta di una pubblicità, insomma, gli utenti in numerosi casi dovranno dapprima leggerne il contenuto, con chiari vantaggi soprattutto per le società cui farà riferimento ciascun contenuto sponsorizzato.

Gli utenti, poi, non potranno decidere di abbandonare tale programma, ma verrà concessa loro la possibilità di mascherare manualmente ogni singola pubblicità. Secondo alcune indiscrezioni, poi, per salvaguardare l’esperienza d’uso sul social network verrà proposto al più un singolo contenuto sponsorizzato al giorno e soltanto da pagina verso le quali si è già espressa in passato la propria preferenza mediante il click sul pulsante “Mi Piace”.

Fonte: TechCrunch • Immagine: Tech Tremor • Notizie su: