QR code per la pagina originale

Zingaretti: entro il 2012 banda larga in tutti gli istituti scolastici romani

,

La provincia di Roma si è dimostrata in passato molto attenta alle nuove tecnologie. Ricordiamo per esempio il progetto “Provincia Wi-Fi” che prevede oltre 500 hot spot wireless gratuiti in tutto il territorio provinciale a cui hanno aderito già oltre 150 mila utenti. Non stupisce quindi apprendere della nuova iniziativa voluta fortemente dal presidente della provincia di Roma Nicola Zingaretti che porterà nel 2012 a tutte le scuole della provincia di Roma la banda larga. Questo progetto che partirà tra poche settimane e precisamente a gennaio, offrirà a tutti gli istituti scolastici non solo l’accesso alla banda larga, m anche il VoIP e il servizio digitale di server fax.

Inoltre, se gli istituti scolastici lo richiederanno, verranno installate anche reti wireless a uso interno per insegnanti e alunni.

Il progetto, oltre a fare un deciso passo avanti alle scuole della provincia di Roma verso la modernità, consentirà anche alla stessa provincia di ottenere un consistente risparmio rispetto alla situazione odierna (telefonia classica, servizi fax…).

Tradotto in numeri, il risparmio annuale è quantificabile in circa 150 mila euro, niente male davvero.

Enorme la soddisfazione di Nicola Zingaretti che durante la presentazione del progetto dichiara:

Dopo aver già portato nelle scuole di Roma e provincia i pannelli fotovoltaici, entro la fine dell’anno scolastico tutti gli istituti avranno la banda larga. Questo comporterà risparmi per almeno 150 mila euro l’anno sulle bollette e rappresenta il presupposto per l’installazione del WiFi dove lo richiederanno gli istituti.

Ci siamo accorti che le utenze telefoniche e lo stato della Rete negli edifici scolastici era molto complicato. Entro la fine dell’anno scolastico porteremo quindi la banda larga in tutte le scuole di Roma e provincia. È una vera rivoluzione. Pensate se facessero così tutti gli uffici pubblici italiani: ci sarebbe un risparmio per milioni di euro senza tagliare i servizi ma solo modernizzando e migliorando la qualità della spesa pubblica.

I nostri ragazzi nel mercato del lavoro competeranno con studenti di scuole molto moderne, attrezzate e competitive di tutto il mondo, quindi noi ora dobbiamo cambiare la scuola pubblica e migliorarla, preparare strutture e infrastrutture competitive. La banda larga nelle scuole è un segnale che va in questa direzione.

Notizie su: