QR code per la pagina originale

Ainol Novo7, hands-on per il primo tablet Android 4.0

Ainol Novo7 Paladin al banco di prova: test per il primo tablet economico equipaggiato con Android 4.0 Ice Cream Sandwich

,

Ainol Novo7, primo tablet a debuttare ufficialmente sul mercato con equipaggiato il sistema operativo Android 4.0 Ice Cream Sandwich, è finito sul banco di prova di Android Central. L’hands-on completo, visibile in streaming a fondo post, evidenzia tutti i limiti di un dispositivo che pur di battere la concorrenza sul tempo sembra non aver ricevuto sufficienti attenzioni da parte del produttore.

100 dollari l’esborso economico richiesto per l’acquisto in Cina, ai quali va sommata la cifra ovviamente richiesta per la spedizione. Una soluzione economica, dunque, per chi è in cerca di un tablet Android in grado di eseguire le operazioni basilari, scendendo a inevitabili compromessi in termini di performance e qualità costruttiva.

Le specifiche tecniche vedono la presenza di un processore MIPS Ingenic JZ47xx Xburst da 1 GHz, GPU Vivante GC860 da 444 MHz, 512 MB di RAM, display da 7 pollici con risoluzione 800×480 pixel di tipo capacitivo, 8 GB di memoria interna per lo storage, slot per schede microSD, uscita video HDMI, porta USB, modulo WiFi e fotocamera frontale da 0,3 megapixel.

Caratteristiche da smartphone di fascia medio-bassa, dunque, alle quali va ad affiancarsi un software che, per dichiarazione esplicita di Ainol, non è ancora disponibile nella sua versione finale. Parte dei menu e dell’interfaccia è infatti rimasta in lingua cinese, mentre la tastiera risulta essere quella di Ice Cream Sandwich, con pulsanti e suggerimenti per la scrittura in inglese.

A conti fatti, come evidenzia l’hands-on, si tratta di un esperimento interessante, capace di dimostrare come sia possibile realizzare dispositivi compatibili con le piattaforme più evolute e commercializzati a un prezzo accessibile, ma che avrebbe senza dubbio richiesto maggiore attenzione prima del lancio. Bocciato al primo round, Ainol Novo7 viene dunque rimandato per un verdetto finale a quando sarà rilasciato un update ufficiale, dedicato alla risoluzione dei numerosi problemi e bug riscontrati.

Notizie su: