QR code per la pagina originale

Wikimedia: Wikipedia raccoglie 20 milioni di dollari

Wikipedia ha raggiunto quota 20 milioni di dollari secondo quanto annunciato da Wikimedia per la campagna donazioni 2012.

,

Wikimedia Foundation ha raccolto quasi 20 milioni di dollari di fondi per Wikipedia grazie alla campagna donazioni che si è appena conclusa. A pochi giorni dall’undicesimo compleanno della popolare enciclopedia libera online, l’associazione no-profit di Jimmy Wales riesce a raggiungere un importante obiettivo che consentirà a Wikipedia di mantenersi per tutto il 2012 e offrire pagine Web libere da pubblicità.

Oltre un milioni di utenti hanno contribuito alla causa Wikipedia anche con piccole donazioni di 5, 10 e 20 dollari; con tale campagna, iniziata nello scorso dicembre, si mette a segno un record: mai una cifra tale era stata accumulata in undici anni di vita dell’enciclopedia di Wikimedia Foundation. L’anno scorso erano stati infatti accumulati 16 milioni di dollari e per quanto riguarda quest’anno, Wikipedia ha potuto contare anche della grossa cifra donata dal co-fondatore di Google Sergey Brin e da sua moglie (500mila dollari).

Sue Gardner, Executive Director della fondazione Wikimedia, ha ringraziato tutti gli utenti di Wikipedia diffondendo un apposito post:

«Grazie a tutti. Abbiamo tolto i banner della nostra raccolta fondi perché abbiamo raggiunto i nostri obiettivi. Grazie a voi. Nei mesi scorsi, più di un milione di persone è giunto da ogni parte del mondo per mantenere Wikipedia e i suoi siti correlati vivi e fiorenti per un altro anno».

Nel frattempo i fastidiosi banner su Wikipedia, che aveva suscitato tra l’altro varie polemiche sul Web, sono spariti dalle pagine del sito. I fondi raccolti verranno spesi da Wikimedia per restare indipendente, per mantenere i server necessari all’attività, per acquistare nuovo hardware che servirà anche per svilupparsi in ambito mobile, nonché per fornire difesa legale per i progetti e sostenere la comunità mondiale di volontari della fondazione.

Notizie su: