QR code per la pagina originale

Apple Media Event, il GarageBand per gli eBook

Apple dovrebbe rivoluzionare il settore dell'editoria con uno strumento simil-GarageBand volto a facilitare la realizzazione di eBook interattivi.

,

Emergono nuove informazioni sul Web in merito a ciò che Apple presenterà durante il Media Event di giovedì prossimo in quel di New York, presso il museo Guggenheim. Secondo quanto si vocifera, Cupertino dovrebbe togliere i veli a una nuova applicazione che consentirà a chiunque di realizzare facilmente eBook, nonché annunciare il supporto allo standard ePub 3 e diverse partnership con alcuni grossi nomi dell’editoria, con in primis McGraw-Hill.

È già noto, tramite l’invito che Apple ha inviato alla stampa, che l’evento riguarderà una novità relativa al settore dell’istruzione. L’azienda di Tim Cook dovrebbe pertanto rivoluzionare anche il settore educational tramite questo innovativo strumento, del quale non si conosce ancora il nome, che semplificherebbe la produzione e la pubblicazione di eBook così come Apple ha semplificato la creazione di un brano musicale con GarageBand. Per l’occasione, dovrebbe essere anche finalmente annunciato il supporto allo standard ePub 3 che consente di realizzare libri digitali interattivi.

Secondo quanto riferito da fonti autorevoli, Apple avrebbe coinvolto nel progetto diversi importanti big del settore dell’editoria: si parla di McGraw-Hill, Pearson e Houghton Mifflin Harcout, case editrici statunitensi che dovrebbero aiutare a spingere la nuova rivoluzione della Mela. A quanto pare, saranno presenti all’evento newyorkese anche alcuni grandi editori di libri di testo dedicati all’istruzione, come ad esempio Cengage Learning.

Apple potrebbe pertanto voler rafforzare la propria presenza nel mercato degli eBook e probabilmente iniziare a esplorare anche il settore dell’istruzione, fornendo peraltro uno strumento adatto a consentire a chiunque di realizzare eBook interattivi. Tuttavia pare che i contenuti non verranno direttamente da Cupertino: secondo Ars Technica, Apple non vuole entrare nel business dei contenuti editoriali ma piuttosto lanciare una piattaforma di distribuzione che li spinga e che incentivi le persone a fruirne.

Si attende dunque una sorta di GarageBand per gli eBook e sarà curioso vedere se sarà davvero questa la prossima rivoluzione di Apple. Appuntamento a giovedì 19 per saperne di più a riguardo.

Notizie su: