QR code per la pagina originale

MPAA inferocita dai blackout anti-SOPA

MPAA si scaglia contro il blackout anti-SOPA, definendolo come un irresponsabile abuso di potere da parte di società interessate solo al business.

,

Continuano le polemiche su SOPA e PIPA, i provvedimenti in via d’approvazione negli Stati Uniti che, sotto l’egida della protezione del diritto d’autore, rischiano di censurare immotivatamente attività del tutto lecite della Rete. Proprio per questo motivo alcuni colossi del Web, primo fra tutti Wikipedia, nella giornata di ieri hanno oscurato i loro servizi online, per anticipare in cosa si potrebbe trasformare Internet con l’entrata in vigore delle normative: nel nulla.

La protesta, accolta in modo favorevole non solo dagli utenti a stelle e strisce ma anche da quelli di tutto il globo, non è però stata gradita da alcuni soggetti coinvolti nel dibattito su diritti e pirateria in Rete: la MPAA, la Motion Picture Association of America, ha infatti bollato l’iniziativa come un «irresponsabile abuso di potere».

Il supporto di MPPA a SOPA e PIPA non è certo una sorpresa, considerato come l’associazione sia fra i più ferventi supporter dei provvedimenti, ma il blackout di protesta di servizi che di certo non sono pirata è più che indicativo della portata funesta delle due leggi. Wikipedia, Reddit, BoingBoing, WordPress, MoveOn.org e Mozilla hanno aderito alla giornata di oscuramento e la manifestazione ha addirittura scomodato Mark Zuckerberg dall’olimpo dei social network, con la promessa di una battaglia capitanata nientemeno che da Facebook. Google, invece, ha deciso di censurare simbolicamente il suo stesso logo. Eppure secondo Chris Todd, CEO della MPAA, i toni duri delle ultime ore non avrebbero alcuna ragione d’esistere:

Alcuni business tecnologici stanno punendo gli utenti e li stanno trasformando in loro pedine aziendali, anziché sedersi al nostro tavolo per cercare una soluzione a un problema che tutti ora credono concreto e pericoloso.

È una risposta irresponsabile e un disservizio per tutte quelle persone che di loro si avvalgono per informazioni o per utilizzare i loro servizi. È anche un abuso di potere, dettato dalla libertà di cui godono oggi queste società sul mercato. Lo sviluppo è pericoloso e preoccupante quando le piattaforme, che servono da gateway all’informazione, decidono intenzionalmente di distorcere i fatti e di incitare gli utenti per proteggere i loro interessi aziendali.

Il cosiddetto “blackout” non è che un altro espediente, anche se pericoloso, pensato per punire eletti e funzionari dell’amministrazione che stanno lavorando diligentemente per proteggere il lavoro americano dai criminali stranieri. La nostra speranza è che la Casa Bianca e il Congresso chiedano a coloro che vogliono mettere in scena questo “blackout” di fermarsi, in modo che l’iperbole di trucchetti da pubbliche relazioni si blocchi e si inizino sforzi significativi per battere la pirateria.

Quel che muove tali società alla manifestazione, tuttavia, non è la volontà di fomentare la pirateria, bensì il fatto che le due leggi in oggetto renderanno tutti potenzialmente dei colpevoli. La paura, infatti, è che SOPA e PIPA non blocchino solo le violazioni al diritto d’autore, ma censurino addirittura servizi, commenti e opinioni personali che – anche indirettamente – potrebbero suggerire modalità illecite per l’appropriazione di un contenuto protetto. E se la MPAA ha forse ragione nel sottolineare come spesso certe aziende si preoccupino più per il loro business che delle reali esigenze degli utenti, non sembra essere questo il caso. Wikipedia, ad esempio, è storicamente una società che si mantiene neutrale non accettando investimenti pubblicitari che potrebbero orientarne l’informazione, improbabile che in questo frangente stia mirando a un business più che a un reale desiderio di libertà di parola. Un concetto spiegato alla perfezione da una vignetta rimbalzata velocemente sui social network nelle ultime ore, in cui si recita:

Perché è perfettamente legale pubblicare in Rete uno schema su come fabbricare una bomba, quando non si potrà pubblicare un codice per decrittare i DVD?

La risposta, con tutta probabilità, dovrà passare prima sotto i fuochi incrociati di numerose altre battaglie. Della SOPA se ne riparlerà nel frattempo nel mese di febbraio.

Fonte: WebProNews • Via: The Next Web • Notizie su: