QR code per la pagina originale

Chi si registra su Google si iscrive a Google+

La nuova modalità d' iscrizione a Google comprende anche l'automatica registrazione ai servizi Gmail e Google+.

,

Accedendo alla creazione account sulla pagina principale di Google, salta subito all’occhio il nuovo aspetto grafico dell’impaginazione. D’ora in avanti, infatti, iscrivendosi alle funzionalità del numero uno tra i motori di ricerca, verrà automaticamente creato un profilo Gmail ed uno Google+.

Finora, invece, la creazione di un account con Google era molto più semplice e permetteva il riutilizzo di un indirizzo email già esistente o di crearne uno nuovo con Gmail. Inoltre, la nuova formula di registrazione mette  in campo altre variabili di dati personali, tra cui: nome e cognome utente, sesso (richiesto per Google+), e il numero di cellulare (non obbligatorio).

Lo slogan della nuova soluzione mette in chiaro le intenzioni della società, e recita: «Il tuo account Google non si limita solo alla Ricerca. Parla, chatta, condividi, pianifica, memorizza, organizza, collabora, scopri e crea. Utilizza prodotti Google (come Gmail, Google+ e YouTube) e visualizza la tua cronologia delle ricerche, il tutto con un solo nome utente e una sola password. Viene sempre effettuato il backup e le informazioni sono facili da trovare su Google». Se le condizioni non sono soddisfacenti, sarà comunque possibile eliminare il profilo Google, con tutti i contenuti Google+ e anche l’account Gmail.

Schermata di iscrizione

Schermata di iscrizione (immagine: Google).

I nuovi utenti non saranno dunque obbligati a crearsi manualmente un nuovo profilo Google+, mentre l’azienda di Mountain View ha trovato un ottimo espediente per incrementare il numero di iscritti al suo social network (attualmente 90 milioni) e al suo servizio di posta elettronica Gmail (attualmente a 350 milioni). Tuttavia, tutti quelli che sono intenzionati a iscriversi ancora alla “vecchia maniera”, possono accedere all’URL precedente alla nuova modalità.

Fonte: Google System Blog • Via: Business Insider • Notizie su: ,