QR code per la pagina originale

Samsung Vs. Apple, nuova battaglia sui brevetti 3G

Apple ha vinto l'ultima battaglia in ordine cronologico sui brevetti relativi alla tecnologia Wireless 3G: Samsung non si dichiara però sconfitta.

,

Apple ha vinto l’ultima battaglia sui brevetti contro lo storico avversario Samsung, una disputa che attualmente sta coinvolgendo ben 10 nazioni diverse. Il tribunale tedesco di Mannheim ha respinto il ricorso da parte di Samsung, secondo la quale l’azienda di Cupertino avrebbe violato i suoi brevetti relativi alla tecnologia Wireless 3G.

Samsung ha replicato dicendo che la sentenza riguarda solo una licenza e che il giudice tedesco, Andreas Voss, deve ancora emettere la sua decisione su altri due brevetti, sempre relativi alla tecnologia 3G.

Un portavoce di Samsung ha dichiarato in merito alla delicata questione giudiziaria: «Siamo delusi che la corte non abbia condiviso le nostre opinioni riguardo la violazione da parte di Apple di questo specifico brevetto in Germania. Va notato che la decisione odierna riguarda solo uno dei numerosi brevetti rivendicati da Samsung presso il tribunale di Mannheim”. ha dichiarato un portavoce di Samsung». Secondo Florian Mueller, analista e fondatore del FOSS Patent Blog, il giudice che sta seguendo il caso non crede che il ragionamento della Corte sia determinante, ed è probabile che abbia raggiunto una delle due possibili conclusioni da solo, ovvero: i prodotti Apple non violano il brevetto per ragioni prettamente tecniche, o Samsung ha esaurito la validità della sua licenza.

Apple ha già affermato che utilizza il chipset Qualcomm 3G e che, siccome Qualcomm ha già pagato una licenza per utilizzare tale tecnologia nei suoi chipset, allora non dovrebbe essere richiesto anche ad Apple di pagare nuovamente per il medesimo brevetto. Sempre secondo Mueller, se la Corte si è schierata con questa visione, allora è probabile che le restanti richieste di brevetti Samsung 3G falliranno. Tuttavia, anche se l’azienda coreana avrebbe potuto fare appello all’ultima sentenza, non ha dato l’impressione al momento di voler procedere in tal senso.

Fonte: Electronista • Via: CNet • Immagine: steakpinball • Notizie su: