QR code per la pagina originale

Android, meno crash rispetto a iOS

Secondo una ricerca di mercato, Android è più stabile di iOS: le applicazioni subiscono meno crash.

,

La stabilità di un sistema operativo è sempre uno dei più importanti fattori da tenere in considerazione quando si decide di acquistare un nuovo smartphone o tablet. Ma tra Android e iOS, ovvero le due piattaforme mobile di maggior successo sul mercato, quale è più stabile?

Da tempo gli appassionati del mondo Apple indicano come sia iOS il sistema operativo migliore sotto questo aspetto, eppure in base ai dati raccolti da Crittercism, viene dimostrato come il codice sviluppato da Cupertino provochi più crash sul fronte applicazioni rispetto a quello di Google. Il contrario dunque di quanto era noto finora.

Crittercism ha analizzato a lungo i due sistemi operativi, tra novembre e dicembre 2011, lanciando oltre 214 milioni di applicazioni per notare in quale dei due si verificano più crash. La ricerca dimostra che quando un utente apre un’app su iOS v’è molta più probabilità che la stessa non si avvii del tutto bloccandosi, portando nuovamente l’utente alla schermata Home di iOS.

Nello specifico, nel primo quarto del 2011, un’app per Android si blocca con una probabilità dello 0,15%, mentre una per iOS dello 0,51%. Nel secondo quarto, rispettivamente dello 0,77% e dell’1,4%, mentre nel terzo quarto vengono evidenziati risultati più preoccupanti: v’è stato il 2,9% di possibilità che un’app Android sia andata in crash, mentre sul fronte del sistema operativo Apple la probabilità sale al 3,66%.

Le ragioni di una maggiore probabilità di crash di un’applicazione, in riferimento a entrambi i sistemi operativi qui analizzati, risiedono nel rilascio pubblico di nuove versioni degli stessi, che notoriamente possiedono alcuni bug poi corretti nel tempo. Quanto sottolineato con la ricerca desta però un po’ di curiosità: nonostante Android venga da qualcuno indicato come un sistema frammentato, con applicazioni incompatibili tra una versione e l’altra, in qualche modo risulta più affidabile sul fronte stabilità rispetto al suo più grande competitor.

Notizie su: