QR code per la pagina originale

Nuova Xbox: metà tablet, metà console

Xbox World lancia nuove indiscrezioni sulla Xbox Next: un controller tablet che permetterà di giocare anche a televisore spento o occupato. E non solo.

,

La nuova Xbox, comunemente chiamata Xbox 72o o Xbox Next, potrebbe comprendere un controller simil-tablet rievocando in parte la filosofia che Nintendo si prepara a lanciare sul mercato con Wii U. È l’indiscrezione lanciata dall’ultimo numero della rivista Xbox World, la quale afferma come l’intento di Microsoft sia quello di realizzare qualcosa in realtà più simile alla console portatile PlayStation Vita che al controller Wii U. Una console, insomma, in grado di trasformarsi in un centro di intrattenimento multimediale portatile in qualunque momento. Un tablet, appunto.

Xbox World descrive il controller di Xbox Next spiegando che è al centro è presente un display HD circondato dai pulsanti tipici del pad di Xbox 360. Il touchscreen sarebbe secondo solo a Kinect in termini di funzionalità extra perché permetterà di cambiare canale al televisore, controllare il browser su internet e ottenere informazioni aggiuntive durante una partita (si pensi ad un inventario direttamente gestibile dal pad in un gioco di ruolo). Il controller può anche trasformarsi in un dispositivo portatile, per continuare a giocare ovunque si desidera.

Si comprende dunque che per offrire funzionalità del genere la nuova Xbox dovrà essere dotata giocoforza di un hardware estremamente potente. La rivista punta su questo particolare spiegando che Microsoft non si sta affatto risparmiando per quanto riguarda CPU e GPU e proprio per questa ragione la console potrebbe avere un costo molto elevato al lancio, pari a circa 479 euro. Sarebbero 80 euro in più rispetto il prezzo di lancio della Xbox 360.

Naturalmente si tratta per il momento solo di indiscrezioni non confermate da Redmond, ma non è la prima volta che si parla di una soluzione tablet per la nuova Xbox. Del resto si sa, Windows 8 è stato pensato soprattutto per creare un unico universo in cui tutti i dispositivi targati Microsoft, tablet, smartphone, PC e, appunto, console, possano comunicare tra loro e scambiarsi dati senza limitazioni di sorta. E magari proprio il nuovo sistema operativo, o un suo derivato, potrebbe essere il prescelto per gestire tutte le funzionalità della terza generazione di Xbox.

Fonte: CVG • Via: GamesNation • Notizie su: ,