QR code per la pagina originale

Apple, ed è di nuovo record

Il titolo Apple vola a Wall Street verso un nuovo record: superata quota 505 dollari sulla scia di ipotesi relative ad un possibile dividendo.

,

In un listino tecnologico in gran parte in rotta negativa, Apple conferma il buon momento che ha portato le azioni AAPL ad una sequenza incredibile di record. La crescita è ormai confermata mese dopo mese da un triennio a questa parte, ma le ultime settimane hanno segnato un exploit quasi senza precedenti nella storia del titolo.

Nella giornata di oggi un piccolo balzo in avanti consente alle azioni di segnare un nuovo massimo: dopo aver superato nella giornata di ieri quota 500 dollari, oggi le azioni di Cupertino superano anche quota 505 e segnano un nuovo record a quota 505.23. Nel momento in cui pubblichiamo il valore è comunque appena sotto il massimo di sempre e non è detto che un nuovo exploit non possa alzare ulteriormente l’asticella nelle ore che mancano alla chiusura delle trattative odierne a Wall Street.

Il furore della crescita è dettato da 3 componenti tecniche ed una finanziaria: iPhone 5, iPad 3 ed iTV sembrano essere infatti traini molto forti al sostentamento del valore di capitalizzazione, ma a tutto ciò nelle ultime ore si è aggiunta l’ipotesi di un possibile dividendo da distribuire tra gli azionisti entro i prossimi mesi.

3 anni di azioni AAPL

3 anni di azioni AAPL

Gli analisti sembrano compatti nel definire tale possibilità come una scelta saggia per il gruppo (peraltro seduto su decine di miliardi di denaro cash che potrebbe essere ben sfruttato con azioni di sostegno di questo tipo), così da puntellare il valore delle azioni in un momento in cui tutto va a gonfie vele sembra difficile poter maturare crescita ulteriore nel breve periodo (nuovi device dominanti, del resto, vanno semplicemente a sostituire il mercato in domini già propri e già solidi). Quest’ultima scelta potrebbe regalare un introito ulteriore a chi conferma il proprio credo nelle azioni Apple e tale ipotesi non fa che spingere ulteriormente al rialzo un titolo che non sembra sperimentare tentennamenti ormai da tempo.

Notizie su: