QR code per la pagina originale

Canone RAI, l’azienda chiarisce sui termini di pagamento

La RAI chiarisce la sua posizione in merito al pagamento del canone per computer da parte delle aziende

,

Il Canone RAI? Lo pagheranno solo quelle aziende che ricevono sui propri computer e server immagini televisive, foto e tutto quanto può essere collegato alle attività della RAI. Queste parole, all’apparenza rassicuranti, giungono direttamente dagli uffici della RAI di Firenze che sono corsi immediatamente ai ripari dopo le furenti polemiche di questi giorni quando molti professionisti e aziende si sono trovati l’avviso di pagamento del così detto “Canone Speciale” perché in è possesso di computer, palmari e altro che potenzialmente possono accedere ai servizi audio visivi della RAI.

Per la RAI dunque a pagare il canone non saranno medici, commercialisti, avvocati e lavoratori autonomi in genere, ma solo quelle aziende/professionisti che utilizzano apparecchiature elettroniche che accedono per vari motivi ai servizi RAI.

Tutto bene dunque? Neanche per sogno, perché se così fosse, non si spiega perché della richiesta a medici, partite iva generiche e altre categorie del pagamento del Canone RAI per possesso e uso di computer, smartphone, palmari…

La RAI chiarisce ancora che se per esempio un negozio trasmette immagini del servizio della RAI, spot pubblicitari relativi o magari anche solo le previsioni del tempo, l’esercente è comunque tenuto a il pagamento del Canone Speciale.

Sarà, ma queste giustificazioni non placheranno certamente le proteste che nelle ultime ore stanno montando sempre più. Associazioni dei consumatori e le associazioni di categoria sono sul piede di guerra e stanno facendo pressione affinché la politica e il Governo Monti si occupino con rapidità di questo tema per arrivare velocemente a un chiarimento.

Ma come si è arrivati a questa situazione? A quanto spiega la RAI, Mauro Masi, ex direttore generali RAI, l’anno scorso aveva deciso di recuperare i Canoni Speciali evasi creando una sorta di gruppo interno dedicato espressamente alla riscossione di questo tributo. Da qui la partenza delle migliaia di lettere di recupero crediti con la richiesta di pagamento del canone.

Rimane però ancora il dubbio sul perché le richieste di riscossione del Canone RAI siano arrivate un po’ a tutte le categorie e non solo a quelle che davvero lo dovrebbero pagare, almeno a sentire la RAI.

Notizie su: