QR code per la pagina originale

Google Drive, il servizio di cloud storage in fase beta?

Google Drive, il servizio di cloud storage di bigG, potrebbe essere già in fase beta, come dimostra un'inserzione comparsa online.

,

Google Drive torna protagonista di nuove indiscrezioni. Il servizio di cloud storage di Mountain View sembra ormai essere una realtà pronta al debutto, nonostante l’azienda non si sia ancora pronunciata esplicitamente in merito all’esistenza del progetto. Dopo i primi avvistamenti delle scorse settimane, ecco un nuovo indizio che lascia intendere come la piattaforma sia già disponibile per alcuni fortunati utenti in fase beta.

Come ben visibile dall’immagine di apertura, tra i risultati del motore di ricerca compare un’inserzione che punta all’indirizzo beta.drive.google.com. La pagina che si raggiunge chiede di inserire username e password del proprio Google Account, salvo poi generare un loop continuo in fase di identificazione, senza portare ad alcuna destinazione.

Il dominio dunque esiste ed è attivo, anche se il servizio non è ancora stato presentato in via ufficiale. Difficile al momento prevedere se Google Drive rappresenterà una soluzione limitata al salvataggio online dei documenti (cosa già vista in parte con Docs), oppure offrirà all’utenza la possibilità di usufruire di un vero e proprio disco virtuale su piattaforma cloud, dove caricare ogni tipo di file in modo da potervi accedere da ovunque e con qualsiasi dispositivo.

Considerato il recente debutto di Google Music, che consente di fruire della propria libreria musicale senza limiti (fino a 20.000 canzoni per l’upload gratuito), l’ipotesi di assistere al lancio di una piattaforma targata bigG e dedicata al cloud storage sembra tutt’altro che remota, soprattutto ora che Microsoft ha confermato l’intenzione di dare nuova vita al servizio SkyDrive, in vista del lancio del nuovo sistema operativo Windows 8.

Notizie su: