QR code per la pagina originale

Google lancia Versus: il dibattito è un Hangout

Google ha presentato Versus, nuovo progetto con il quale intende promuovere Hangout in qualità strumento utile per i dibattiti a sfondo sociale negli USA.

,

La politica messa in atto da Google per promuovere il proprio social network Plus prevede da diverso tempo la partecipazione di figure di spicco a livello intenzionale grazie ad alcuni strumenti messi a disposizione dall’azienda di Mountain View. Tra questi, il sistema per le videochiamate Hangout è sicuramente uno dei più utilizzati ed ora il colosso delle ricerche intende muovere un nuovo passo in tale direzione: nasce così il progetto Versus, il quale consentirà agli utenti di assistere a dibattiti circa tematiche di attualità cui parteciperanno diverse personalità di rilievo per esprimere la propria opinione.

Una volta individuato un tema caldo sul quale discutere, Google metterà uno di fronte all’altro due schieramenti le cui opinioni risultano essere opposte per avviare un dibattito cui gli utenti potranno assistere grazie ad Hangout. Questi ultimi potranno votare per esprimere il proprio giudizio in merito alle dichiarazioni di una oppure dell’altra fazione, consentendo ai partecipanti di comprendere in tempo reale quali siano le reazioni degli spettatori alle proprie dichiarazioni. A moderare il tutto vi sarà poi un giornalista interessato alla materia, il quale fungerà da arbitro della discussione.

Il primo confronto avrà luogo il prossimo 13 marzo e l’argomento del contendere sarà la lotta alla droga: a prendervi parte saranno personalità quali Richard Branson, Julian Assange, Russell Brand e Peter Hitchens, così come altre figure esperte di tale tematica oppure coinvolte in prima persona nella vicenda. Emily Maitlis, giornalista della BBC, vestirà invece i panni di moderatore della discussione, con gli utenti che potranno votare in favore oppure contro le tesi portate avanti da ciascuno dei partecipanti.

Google, insomma, continua a percorrere una strada al termine della quale spera di trovare quel successo tanto desiderato per il proprio social network, differenziandolo in qualche modo dal dominatore Facebook grazie a servizi e strumenti di differente natura e dedicati ad un target d’utenza sensibilmente diverso. Creare coinvolgimento attorno a G+ sembra essere cosa del tutto essenziale per garantire la sopravvivenza del network, poiché ad oggi i risultati descrivono una grande scatola vuota che fatica a decollare.

Il progetto Versus potrebbe inoltre rivelarsi di assoluta importanza nell’affrontare tematiche di attualità, proponendosi come nuovo centro gravitazionale dei dibattiti negli Stati Uniti.

Commenta e partecipa alle discussioni