QR code per la pagina originale

Nokia conferma: stiamo lavorando sul tablet

Marko Ahtisaari, responsabile per il design dei prodotti Nokia, conferma: il gruppo sta lavorando su un tablet, ma non sarà uguale agli altri.

,

Sì, Nokia sta lavorando sui tablet per portare sul mercato un proprio device. Se dapprima i rumor provenivano dall’estremo oriente, ove il gruppo sarebbe al lavoro per i necessari contatti con fornitori ed assemblatori, ora il tutto giunge direttamente dall’Europa, direttamente da Nokia e specificatamente dai responsabili del progetto.

A parlare nella fattispecie è Marco Ahtisaari, design chief Nokia, il quale ha ammesso come un terzo del proprio tempo lavorativo sia ormai focalizzato sull’esperienza tablet. L’intervista, rilasciata alla finlandese Kauppalehti Optio, testimonia insomma la conferma ufficiale (non tanto relativa ad un qualsivoglia annuncio, ma quantomeno ai lavori in corso ed ai laboratori attivi sul progetto): Nokia sta progettando un device con il quale entrare sul mercato delle tavolette, ove Windows 8 sarà il partner predefinito dando così seguito all’esperienza maturata fin qui nel mondo Windows Phone.

Secondo quanto emerso in precedenza, Nokia immetterebbe sul mercato il proprio primo tablet già entro la fine dell’anno in corso: Ahtisaari in merito non ha fornito dettagli aggiuntivi, lasciando pertanto nell’incertezza tale dettaglio. Non è dato sapersi nemmeno su che tipo di prototipo stia lavorando il gruppo, sebbene appaia chiara la volontà di differenziare l’offerta rispetto ad iPad ed omologhi (per svincolarsi dalla concorrenza e per affermare il brand con un posizionamento ed una identificabilità precise).

Del resto Stephen Elop l’aveva già lasciato intendere in tempi non sospetti: di tablet sul mercato ce ne sono molti, «ma solo uno sta vendendo davvero bene». Inutile improvvisare, quindi: la tempistica rimane quella a cavallo tra fine 2012 e inizio 2013, con i lavori in corso ormai da tempo ed i primi rumor che iniziano a trapelare per spianare la strada al tablet che verrà.

Fonte: Kauppalehti • Via: Reuters • Notizie su: