QR code per la pagina originale

Nuovo iPad: le app pesano di più

Le app per il nuovo iPad peseranno di più rispetto al passato: sarà dunque necessario più tempo e più megabyte a disposizione per scaricarle da App Store.

,

Per scaricare un’app sul nuovo iPad sarà necessario più tempo e una maggiore quantità di spazio disponibile sulla memoria del tablet: le applicazioni saranno infatti fino a cinque volti più pesanti rispetto al passato, a causa della risoluzione Retina del display del nuovissimo dispositivo con la mela morsicata.

A scoprirlo è Tinhte, portale vietnamita che possiede un nuovo iPad da qualche giorno e che, nelle scorse ore, ha rilasciato materiale vario sul device di Apple. Le dimensioni delle app su App Store saranno dunque maggiori: a quanto pare, le applicazioni sviluppate da Apple sono state aggiornate per supportare il display Retina. Per fornire un esempio, l’app Keynote in precedenza pesava 115 MB, mentre con il nuovo update il peso è stato portato a ben 327 MB. Numbers passa invece da 109 MB a 283 MB, Pages da 95 MB a 269 MB e iMovie da 70 MB a 404 MB. Una notevole differenza.

Se è vero che alcune delle applicazioni Apple in questione ricevono funzionalità aggiuntive con il nuovo aggiornamento, il motivo principale del considerevole aumento dei megabyte necessari a scaricarle sul nuovo iPad sembra risiedere proprio al cambiamento nella grafica di ogni app, necessario per riempire i 2048×1536 pixel del display Retina del tablet. Vale inoltre la pena ricordare che si parla esclusivamente delle dimensioni del download su App Store: una volta installata, l’app potrebbe occupare ancora più spazio.

Il display “Risoluzionario” offrirà dettagli delle immagini molto nitidi, per tale motivo dunque Apple pare aver ritenuto necessario un update che possa spingere la grafica delle app: in fondo, la tecnologia Retina è proprio la caratteristica principale del nuovo tablet. Non è noto se anche le altre applicazioni fornite da terze parti subiranno un incremento dei megabyte necessari per scaricarle, tuttavia l’ipotesi è più che plausibile soprattutto per quegli sviluppatori che desidereranno sfruttare la feature portante del nuovo iPad.

Fonte: Tinhte • Via: The Verge • Notizie su: