QR code per la pagina originale

Nuovo iPad: utenti già in coda a Londra

Nuovo iPad: già da due giorni gli utenti sono in fila davanti agli Apple Store di Regent Street, ma ne varrà davvero la pena?

,

Nuovo iPad: mancano ancora diverse ore prima dell’approdo del nuovo tablet Apple nei negozi statunitensi e inglesi, ma c’è già chi ha deciso di mettersi in coda per accaparrarsi un esemplare. È quanto succede a Londra, dove vi sono di già diversi utenti in coda davanti agli Apple Store, armati di kit di sopravvivenza.

Evidentemente vi sono dei mela-maniaci che proprio non riescono a rinunciare a un nuovo prodotto Apple il giorno stesso della prima messa in vendita, complice anche il fatto che le consegne online nei primi tempi potrebbero anche richiedere due settimane d’attesa. Ma fa sempre un po’ sorridere – e anche un po’ specie – constatare una certa ansia immotivata verso quel che rimane un semplice prodotto, seppur eccellente.

Twitter e Facebook in queste ore si stanno popolando di messaggi e fotografie di tanti londinesi in coda per un nuovo iPad, soprattutto dalle zone di Regent Street. Ci sono anche dei soggetti, dei veri e propri “desperados”, che si sono appollaiati già dal giorno 13 davanti ai negozi con le Mela, ben 72 ore prima dell’effettivo arrivo di iPad sugli scaffali.

Interrogati da vari giornalisti sul perché di tanta fretta e, soprattutto, su quale siano le motivazioni che li spingono a passare tre notti appollaiati su un marciapiede, i mela-maniaci si giustificano citando il cameratismo, l’amicizia, la voglia di fare qualcosa di diverso e divertente che ricorderanno per tutta la vita. Sarà forse che dall’esterno non si riesce bene a cogliere questa vena goliardica – questi utenti appaiono per lo più dei folli invasati – ma forse l’amore per la Mela supera anche l’umano raziocinio. E tra uno snack e un turno per il bagno, c’è chi cerca anche di convincere Redbull via Twitter a portare un po’ di energy drink per gli “sfollati” di Apple Store.

Tutto su Apple nuovo iPad
Commenta e partecipa alle discussioni