QR code per la pagina originale

Windows 8: l’interfaccia Metro è la vera novità

L'interfaccia grafica di Windows 8 è la novità principale del nuovo sistema operativo, ma gli utenti dovranno abituarsi al nuovo ambiente.

,

Windows 8 è ormai una realtà e, dopo alcune settimane dal rilascio della Consumer Preview, è venuto il momento di fare un primo resoconto del nuovo sistema operativo e delle sue funzionalità. Quella che i tester stanno utilizzando in questo momento è solo una versione beta, per cui prima dell’arrivo sul mercato dovrebbe subire ancora dei cambiamenti.

Innanzi tutto va ricordato che Windows 8 sarà disponibile su un numero maggiore di prodotti, che non comprendono solo i tradizionali PC e computer portatili, ma anche e soprattutto i nuovi tablet.

La prima interessante funzione di Windows 8 è il sistema di accesso che, pur non dimenticando il vecchio sistema della password, funzionerà al meglio tramite un account Windows Live, un vantaggio per l’utente quando avrà bisogno di un accesso veloce e simultaneo a tutti i servizi Microsoft, compreso SkyDrive.

La più grande novità del sistema operativo è sicuramente l’interfaccia, con l’eliminazione del tasto Start. La nuova grafica di Windows 8 è caratterizzata dalle piastrelle che lanciano applicazioni, visualizzano notifiche o altre informazioni. Si tratta dell’evoluzione del concetto di interattività che Microsoft ha cercato di ottenere negli anni, a partire da Active Destkop, per passare alla Sidebar di Windows Vista o, più recentemente, ai gadget di Windows 7.

Le live tile di Windows 8, a differenza delle precedenti interfacce, potrebbero rendere migliore l’esperienza d’uso. La difficoltà sarà convincere 1,4 miliardi di utenti, che quotidianamente hanno a che fare con Windows, ad abbandonare il pulsante Start, con il quale hanno una familiarità storica. Il che conferma le difficoltà incontrate dagli utenti di fronte al nuovo ambiente Metro.

Se c’è una critica che si può fare a Windows 8 è la sua tendenza a creare live tile per ogni applicazione che si andrà ad installare sul dispositivo. Con il risultato di avere un po’ di confusione che necessita di un certo grado di configurazione e personalizzazione. La novità introdotta dall’interfaccia Metro è davvero fondamentale, e fa comprendere come il lavoro di Microsoft sia rivolto più ai consumatori che alle imprese, e soprattutto orientato ai piccoli display dei tablet, ottimizzati per l’esperienza touch.

Gli utenti, quindi, avranno bisogno di un po’ di tempo per abituarsi, mentre le imprese che effettueranno un aggiornamento avranno probabilmente bisogno di corsi di formazione. C’è da chiedersi, infine, come reagiranno gli utenti alla convivenza con due ambienti separati. Infatti, chi userà un PC, probabilmente preferirà l’interfaccia tradizionale, mentre un utente tablet avrà più confidenza con l’ambiente Metro.

Notizie su
Commenta e partecipa alle discussioni