QR code per la pagina originale

Street View: a spasso nella Foresta Amazzonica

Google Street View permette di fare un tour in Amazzonia: Rio Negro, rapide, la splendida foresta e la popolazione a portata di click.

,

Street View ci porta in Amazzonia. Dopo alcune città della Russia e l’esperimento con la Grande Barriera Corallina, l’archivio del servizio si espande con la zona della splendida foresta equatoriale che si trova in Sud America. Coloro che hanno sempre sognato di visitare questo luogo potranno dunque ora farlo virtualmente, grazie ai mezzi del gruppo di Mountain View.

Navigare sulle acque del Rio Negro, affrontare le rapide, fermarsi a dare uno sguardo alla riva e poi attraversare la Foresta Amazzonica senza uscire di casa sarà dunque da ora possibile con Google Street View. Chiaramente è stato impossibile riprendere tutti gli angoli di questo paradiso naturale, ma un’equipe di Google ha trascorso un anno in questi luoghi, riprendendo quanto più possibile per farli conoscere anche a chi non ha la possibilità di visitarli di persona.

La troupe di Street View ha utilizzato dei carrelli muniti di telecamere per riprendere immagini dell’Amazzonia a 360 gradi, così che un utente possa davvero percepire la sensazione di camminare all’interno della magnifica foresta. Il progetto è stato ideato dalla Sustainable Amazon Foundation (FAS) ed è certamente di forte interesse, sia per gli utenti che per la popolazione della natura amazzonica, come spiegato da Virgilio Viana, direttore esecutivo FAS.

Vogliamo che il mondo non veda l’Amazzonia solo come un luogo fatto di piante e animali, ma come un angolo di mondo dove abita della gente.

Il progetto è stato realizzato senza scopo di lucro e presentato ufficialmente in occasione della Giornata Mondiale della Foresta: dal monitor del nostro PC di casa sarà dunque possibile scoprire gli angoli della foresta più grande, più particolare, più selvaggia e più amata del mondo, un sogno che in molti vorrebbero avere l’opportunità di realizzare. Sono ben 50.000 le immagini scattate, unite in vedute panoramiche a 360 gradi. Di seguito, un breve dietro le quinte pubblicato dal gruppo di Mountain View.

Notizie su: