STARTUP BUS NEWS
QR code per la pagina originale

Google, ecco le attività dell’account

Google abilita i rapporti sulle attività relative al proprio account: un modo per essere costantemente aggiornati su come vengono sfruttati i suoi servizi.

,

Google lancia una interessante novità per tutti i suoi utenti. Da alcune ore è infatti possibile attivare con il proprio account GMail i “Rapporti sull’attività dell’account Google“, un modo per tenere conto di tutte le statistiche relative al profilo e avere la consapevolezza di come vengono utilizzati gli strumenti offerti dal colosso di Mountain View. Un quadro su se stessi insomma, quasi uno specchio virtuale dedicato alle attività personali, che va ad arricchire la gamma di caratteristiche che gli utenti Google possono sfruttare.

La funzionalità è attivabile tramite l’apposito indirizzo e permette nello specifico di conoscere, ad esempio, il numero di email inviate o ricevute, la frequenza con cui sono state effettuate ricerche su Google, da quali paesi è stato eseguito l’accesso e la frequenza di visualizzazione di filmati su YouTube. È possibile farsi inviare una e-mail ogni volta che è stato generato un nuovo rapporto, così da essere informati in maniera costante e in tempo reale. Il rapporto raccoglie e riepiloga ogni mese i dettagli relativi al proprio account. Per garantire la sicurezza e la privacy dell’utente, a seconda delle informazioni analizzate sarà richiesta la password GMail per accedere anche nel caso si sia già effettuato la login. Il product manager Andreas Tuerk fa sapere inoltre sul blog ufficiale che nei prossimi mesi saranno abilitati ulteriori servizi legati al rapporto, che verrà reso dunque sempre più completo ed efficace nella sua funzione.

L’obiettivo sembra essere quello di offrire un riferimento univoco e forte attorno la quale consolidare l’identità online basata sul Google Account: attorno a questo concetto Google sta lavorando già dal punto di vista del social network Google+, ma è ovviamente attorno ai servizi (più che al social networking) che l’utenza del gruppo è maggiormente operativa.

Fonte
Commenta e partecipa alle discussioni