QR code per la pagina originale

Groupon sotto la lente della SEC

Groupon ha dovuto rivedere al ribasso i risultati dopo un problema di contabilizzazione e la SEC, la Consob di Wall Street, sta quindi ora indagando.

,

Groupon è caduta a Wall Street dopo aver rivisto al ribasso i risultati finanziari del quarto trimestre a causa di problemi legati alla contabilizzazione di alcune voci, che avevano falsato i ricavi. Un problema che ha attirato l’attenzione della SEC, la Consob di Wall Street, che potrebbe avviare presto un’indagine formale per verificare i comportamenti dell’azienda.

Secondo quanto riportano diverse fonti, la Securities and Exchange Commission avrebbe avviato un’indagine preliminare sui conti, ma pare che non abbia ancora deciso se avviare o meno un’indagine formale. A ogni modo, finire sotto la lente d’ingrandimento della Consob americana non è auspicabile per nessuno, problema ancor di maggiore importanza se si considera che Groupon ha dovuto anche modificare la sua IPO due volte dopo le lamentele giunte da parte della SEC per conteggi sbagliati, dichiarazioni pubbliche opinabili ed altro ancora.

La vicenda ha avuto inizio lo scorso venerdì, quando l’azienda leader delle offerte online ha depositato un documento di regolazione dei risultati finanziari dopo che aveva scoperto una “debolezza materiale” nei controlli interni sui bilanci e ha spiegato di esser al lavoro con una società di revisione per stilare un documento entro quest’anno che precisi quanto accaduto. I risultati del quarto trimestre sono stati peggiori di quanto precedentemente comunicato a causa dei maggiori rimborsi dovuti ai commercianti. Secondo quanto infatti sottolineato da Groupon, la revisione è infatti stata dovuta a un incremento del numero di deal al prezzo più alto che sono stati gestiti nel trimestre preso in esame, fattore che fa pensare ad una crescita delle richieste di rimborso ai commercianti che potrebbe chiaramente incidere sui ricavi di Groupon per l’anno 2012.

Groupon ha chiuso il quarto trimestre con una perdita operativa di 65,4 milioni di dollari, ovvero 12 centesimi per azione, e ricavi pari a 492,2 milioni. Si tratta della seconda trimestrale consecutiva chiusa al ribasso, dato che nel febbraio scorso era stata riportata una perdita di 42,7 milioni e ricavi pari a 506,5 milioni. Una notizia del genere, affiancata a quella dell’indagine preliminare da parte della SEC, è senza dubbio un duro colpo da digerire per gli investitori, che nel frattempo hanno perso nelle ultime ore quasi il 17% per ogni azione Groupon in possesso.

Fonte: Cnet • Via: VentureBeat • Immagine: Webnews • Notizie su: