QR code per la pagina originale

Facebook ci rende solitari?

The Atlantic analizza gli effetti positivi e negativi che può avere Facebook sulle persone: eccoli spiegati.

,

L’ultimo numero del magazine The Atlantic contiene un’interessante articolo che analizza gli effetti di Facebook sulla popolazione, di come l’influenza del social network può avere conseguenze negative rendendo i suoi utenti dei tipi solitari. Il lungo pezzo, scritto da Stephen Marche, non vuole tuttavia demonizzare il social network, che resta dopotutto soltanto uno strumento: sono gli utilizzatori a decidere che uso farne e di conseguenza che effetti ottenere.

Nell’articolo si parla di Moira Burke, studentessa laureata presso l’Human-Computer Institute di Carnegie Mellon, che sta conducendo uno studio analizzando il comportamento su Facebook di 1.200 utenti. Lo studio è ancora in corso ma dalle prime analisi emerge come gli effetti scaturiti dal social network dipendono esclusivamente dal modo in cui si utilizza. Messaggi personalizzati, che solitamente accompagnano il solito click su “Mi Piace” riguardo una foto o una riflessione, non fanno altro che aumentare le qualità sociali di una persona.

Al contrario, assumendo un atteggiamento pigro e passivo, limitando l’interazione con altre persone all’utilizzo di pulsanti e condivisioni allora si rischia di ottenere l’effetto contrario, spesso peggiore della semplice solitudine. Secondo Burke, l’utilizzo passivo di Facebook è correlato anche a un aumento marginale della depressione. Viene fatto l’esempio di due donne che spendono gran parte del loro tempo a parlare con amici, ma se una delle due si trattiene visitando profili altrui (preferendo quest’attività a una normale chiacchierata al bar) allora c’è il rischio che questa tenda a coltivare un senso di depressione.

Il punto del lunghissimo discorso sostanzialmente è: utilizzare Facebook non rende automaticamente solitari e depressi, ma può essere una delle cause se le potenzialità del social network vengono utilizzate in modo errato. Se si organizza sulla piattaforma con amici per una partita di calcetto gli effetti sono chiaramente positivi: ma se l’utilizzo di Facebook si limita a una semplice, seppur attiva interazione in rete allora il social può diventare malsano e deleterio per le proprie capacità sociali.

Notizie su: