STARTUP BUS NEWS
QR code per la pagina originale

Google cerca partner per le Google Car

Google è alla ricerca di un partner tra le case automobilistiche per realizzare il noto progetto Google Car, l'auto che guida da sola.

,

Il progetto Google Car è ben avviato e sembra che sia arrivato il momento, per il colosso della ricerca, di passare ad un’ulteriore fase dello sviluppo di quello che è uno dei progetti più interessanti sul fronte motoristico, ovvero un’auto che si guida da sola.

Google, infatti, sarebbe alla ricerca di un partner a Detroit per unire i propri sforzi e cercare di portare la sua Google Car sulle strade entro i prossimi dieci anni. Come pubblicato dal Wall Street Journal, il capo del progetto, Anthony Levandowsky, era in Motor City questa settimana, per parlare ad una conferenza della Society of Automotive Engineers.

Secondo le sue parole, il progetto ha ancora bisogno di almeno un milione di miglia da percorrere prima di essere pronto per la vendita, ma il sistema potrebbe essere pronto anche molto prima del prossimo decennio. Non è certo l’unica questione che Google deve affrontare per la realizzazione della Google Car: oltre ai problemi relativi alla guidabilità e alla sicurezza del mezzo, ci sono anche difficoltà legali collegate a come le assicurazioni considereranno le responsabilità delle nuove vetture. E a questi vanno aggiunte le difficoltà sul software e sull’hardware, inclusi i costi e l’affidabilità dei sensori per rivelare i pericoli intorno alla macchina. L’obiettivo di Google è quello di ridurre le morti dovute a incidenti stradali, visto che il 90% di tutti gli incidenti è dovuto ad errori umani. Google, quindi, deve saper dimostrare che un’auto che si guida da sola è più sicura e fa meno errori di un autista in pelle e ossa.

Google è attiva su più fronti, da quello delle case automobilistiche, passando dai fornitori, senza dimenticare le compagnie assicurative. Fino ad ora le Google Car (circa 10 modelli attivi) hanno coperto più di 250.000 miglia, ma è ovvio che il traguardo del milione di miglia sarebbe più rassicurante per testare la tecnologia e per l’opinione pubblica.

Attualmente Google utilizza dei modelli di Toyota Prius per i suoi test; negli ultimi anni anche General Motors ha presentato un prototipo di automobile che si guida da sola. Il che dimostra che quella scelta da Google potrebbe rivelarsi una strada giusta da percorrere per il futuro.

Speciale: VisLab DEEVA
Commenta e partecipa alle discussioni