QR code per la pagina originale

Samsung agli utenti Apple: “svegliatevi!”

Samsung ha organizzato una peculiare campagna di marketing anti-Apple, facendo esibire un gruppo di ragazze davanti ad un Apple Store australiano.

,

Davvero curiosa la campagna pubblicitaria che Samsung sta organizzando per il lancio del Samsung Galaxy S III, nuovo smartphone a cui saranno tolti i veli fra pochi giorni, ovvero il 3 maggio. Il produttore sudcoreano è intenzionato a proseguire la campagna anti-Apple, infatti la prima dimostrazione di ciò che desidera fare ha avuto luogo davanti un Apple Store australiano.

In quel di Sidney, Samsung ha infatti inscenato una falsa protesta indirizzata all’azienda rivale: l’invito è davvero chiaro, “Svegliatevi“. I cartelli e il sito Web appositamente creato per tale campagna di marketing vogliono essere provocatori nei confronti di Apple e suscitano un gran clamore proprio a pochi giorni dalla presentazione del nuovo, e atteso, device.

Nello specifico, un gruppo di ragazzi assoldati da Samsung ha utilizzato un bus nero con una grande scritta “wake up” e si è esibito di nero vestito davanti alle vetrate dell’Apple Store australiano, gridando ripetutamente a coloro che visitavano lo store di Cupertino l’invito a svegliarsi. Interessante la scelta dei colori fatta dal produttore sudcoreano: il colore nero è infatti in netto contrasto con il bianco candido che rappresenta la Mela e rappresenta al meglio il brand Samsung in questa particolare contrapposizione.

Per supportare la campagna pubblicitaria, Samsung ha anche lanciato un sito ufficiale denominato Wake Up Australia, dove ha posto un conto alla rovescia che porta al momento in cui il nuovo Galaxy S III sarà svelato. Inoltre, molti utenti avrebbero già riscontrato la presenza di altri cartelli con tale scritta sparsi per la città australiana. Un ragazzo che si trovava dentro l’Apple Store locale ha utilizzato il proprio smartphone per riprendere il peculiare teatrino inscenato da Samsung, condiviso tramite un video su YouTube.

Fonte: Wake Up Australia • Via: The Next Web • Immagine: YouTube • Notizie su: