QR code per la pagina originale

iPhone 4S VS Samsung Galaxy S3: la guerra degli spot

Gli spot di iPhone 4S e Samsung Galaxy a confronto: Apple punta sulle emozioni derivanti dal device, Samsung su quelle che potrebbero indurre l'uso del dispositivo.

,

Il Samsung Galaxy S3 ha monopolizzato le news tecnologiche odierne, dopo il lancio avvenuto ieri sera in quel di Londra. Dopo le polemiche su S Voice fin troppo simile a Siri e le altre funzioni, come iTunes Match, prese in prestito dal mondo di iOS, sul Web è partita una guerra a colpi di spot. Il portale GuidaiPhone ha voluto montare un filmato comparativo, con cui si apprendono le due strategie comunicative delle aziende rivali.

Il primo dato che salta all’occhio è la scelta di Samsung di nascondere, nel senso letterale del termine, il proprio dispositivo. Mentre Apple mostra iPhone 4S per ben 27 secondi su 30 nei propri filmati pubblicitari, il Galaxy S3 viene presentato agli spettatori per solo 9 secondi su 60. Il focus dell’azienda coreana è infatti su scene di vita famigliare, matrimoni, individui felici e festanti.

Cult Of Mac, dopo aver visionato il filmato realizzato dal portale italiano, ha semplicemente liquidato il tutto con un laconico “Cosa Samsung ha da nascondere?”. In realtà, non crediamo che Samsung abbia qualcosa da tener debitamente lontano dallo sguardo indiscreto dei consumatori, considerato come le caratteristiche del Samsung Galaxy S3 siano già state ampiamente sbandierate. Piuttosto, la differenza di strategia comunicativa potrebbe indicare due diversi approcci nella gestione del cliente.

Apple non ha bisogno di creare fiducia nell’utente, perché il suo marchio è universalmente riconosciuto come sinonimo di qualità, a volte con un’intensità sovrastimata rispetto a quanto realmente si meriterebbe l’azienda. Per questo motivo, basta illustrare con un piglio vagamente emotivo una qualsiasi caratteristica del prodotto – come appunto la semplice ripresa di una fotografia così come nel video – per generare immediato hype. Samsung, invece, sembra più puntare sul concetto di accoglienza, di atmosfera, vuole ammaliare il cliente rassicurandolo sul “senso di protezione” che l’azienda sarà in grado di offrigli acquistando quel determinato prodotto. Non è un caso, evidentemente, come sia il concetto di famiglia e amicizia ad aver la meglio nello spot. In altre parole, Cupertino si concentra sulle emozioni che derivano dall’utilizzo del prodotto, mentre Samsung sfrutta emozioni già esistenti che possono indurre l’uso del device.

Quale delle due modalità comunicative avrà maggior successo? Al lettore l’onere di esprimere un giudizio.

Notizie su: