QR code per la pagina originale

Microsoft SoundWave, gesture con effetto Doppler

Microsoft SoundWave è una tecnologia che permette di rilevare le gesture utilizzando gli ultrasuoni emessi dagli altoparlanti del computer.

,

I ricercatori di Microsoft Research hanno realizzato una tecnologia che potrebbe presto essere integrata in desktop e portatili per eseguire azioni mediante gesture, senza utilizzare un sensore di movimento simile a Kinect. SoundWave sfrutta semplicemente il suono e il noto effetto Doppler per interpretare i movimenti delle mani davanti allo schermo.

L’effetto Doppler è un fenomeno fisico che consiste nel cambiamento apparente della frequenza di un’onda sonora percepita da un osservatore, quando la sorgente dell’onda è in movimento. Si pensi, ad esempio, alla sirena di un’ambulanza o al rumore di un treno. Il software SoundWave sfrutta proprio questo fenomeno, in abbinamento agli speaker e al microfono del computer. Un tono ultrasonico con frequenza compresa tra 20 e 22 kHz viene emesso dagli altoparlanti. Il valore della frequenza varia dinamicamente in base alla posizione delle mani (o del corpo) della persona che si trova davanti al PC: la frequenza aumenta se la mano si avvicina al display e diminuisce se si allontana.

Il software è in grado di individuare l’ampiezza del movimento, la sua velocità e la direzione, tutte informazioni utili per eseguire le gesture. I primi esperimenti hanno dimostrato un livello di precisione di circa il 90%, anche in presenza di rumore ambientale. Non è stato inoltre rilevato un ritardo apprezzabile tra le gesture e la risposta del computer. SoundWave può attualmente individuare semplici movimenti (dal basso verso l’alto, da destra a sinistra e avanti-indietro), ma si potrebbero aggiungere altre sorgenti sonore per replicare il funzionamento di Kinect.

L’aspetto sicuramente positivo della tecnologia è l’impiego di componenti hardware già integrati nei desktop e nei notebook, per cui il suo costo è molto più basso di un hardware dedicato. L’unico svantaggio è rappresentato dall’uso esclusivo di SoundWave. L’utente non può, ad esempio, ascoltare la musica quando il software è attivo, altrimenti i suoni provenienti dagli speaker non verranno interpretati in modo corretto.

Fonte: Microsoft Research • Notizie su: