QR code per la pagina originale

Google alla conquista dell’Africa

Tanti i passi in avanti compiuti da Google in Africa, che sta aiutando la crescita locale grazie a vari servizi quali traduttori e mappe.

,

Google sta diventando rapidamente leader del mercato online in Africa, continente dove ancora, dal punto di vista tecnologico e informatico, c’è molto lavoro da fare ed esiste un ottimo margine di espansione per le aziende. Ciò che sta facendo Mountain View è offrire al territorio un sostegno tecnologico ma anche un aiuto a livello umanitario e sociale, dato che permette e permetterà ai responsabili del Paese di rendersi conto delle condizioni tecnologiche in cui versa lo stesso e andare pertanto a spingere in questa direzione con provvedimenti mirati.

In primo luogo, Google ha creato una grande rivoluzione nel continente realizzando una mappa dettagliata dell’Africa attraverso i satelliti e finalizzata tramite Google Maps. Un ottimo servizio per quest’area, dato che prima dell’intervento di Mountain View trovare una cartina richiedeva tempo e denaro e quello che si riusciva a ottenere consisteva semplicemente in cartografie risalenti niente meno che all’epoca coloniale.

Grazie all’intervento di Google e alle sue mappe satellitari, i governatori dei paesi dell’Africa hanno potuto rendersi conto di alcuni situazioni disastrose relative alle infrastrutture cittadine che riguardano determinate porzioni di territorio e, di conseguenza, hanno stilato un piano di investimento per migliorare i servizi. Il lavoro dell’azienda proprietaria del motore di ricerca più popolare al mondo però non finisce qui.

Infatti Google sta anche lavorando per fornire traduttori dall’inglese, francese, portoghese e arabo alle lingue africane locali come lo zulu, l’afrikaans, l’amarico, lo swahili e dialetti come wolof, hausa e tswana. Un servizio simile andrà chiaramente a favorire la diffusione dell’informazione e della lettura dei giornali online. Infine, alla diffusione di Mountain View si aggiunge Nollywood, la Hollywood della Nigeria, che sta introducendo il mercato video. Come sottolinea un articolo del The Economist, questo servizio in aggiunta a quelli proposti da Google, permetteranno all’economia africana di crescere notevolmente.

Notizie su: