QR code per la pagina originale

Gli occhiali come display: la realtà è aumentata

Molto presto arriveranno sul mercato nuovi occhiali per la realtà aumentata che permetteranno di sovrapporre immagini digitali al mondo reale.

,

L’evoluzione tecnologica continua senza soste e molto presto cambierà il modo in cui le persone interagiscono con gli oggetti. Le tradizionali periferiche di input (mouse e tastiera) iniziano infatti ad essere sostituite con interfacce touch utilizzabili con il tocco della dita. In un futuro non troppo lontano è probabile che anche il display dei dispositivi scomparirà per far posto a gadget che proietteranno le immagini direttamente sugli occhiali.

Google ha realizzato un avveniristico prototipo di occhiali per la realtà aumentata che potrebbe diventare un prodotto commerciale nel corso del 2013. L’azienda di Mountain View non è però l’unica ad aver investito in questa tecnologia ed il Wall Street Journal ha voluto sottolineare quale sia l’impegno del mercato in questa direzione e quanti siano già i prototipi sul mercato.

I dipendenti del Michael Pachleitner Group, ad esempio, non devono più utilizzare computer o tablet per trovare gli oggetti all’interno del magazzino. Le informazioni sulla posizione di un prodotto vengono inviate mediante una connessione WiFi ad un paio di occhiali indossato dai lavoratori. Il dispositivo da 13.000 dollari è stato realizzato da Knapp AG, usando display trasparenti per sovrapporre immagini digitali sul campo visivo delle persone. Le lenti sono state create dall’azienda israeliana Lumus che, tra l’altro, fornisce la stessa tecnologia alla U.S. Air Force per la visualizzazione dei dati negli elmetti dei piloti.

Un altro prodotto commerciale è il dispositivo GPS di Recon Instruments (500-600 dollari) che, una volta inserito in occhiali speciali indossati dagli sciatori, visualizza diverse informazioni, tra cui velocità, messaggi di testo e identificativo del chiamante, quando collegato ad un telefono. Altre aziende più piccole, come Vuzix e Laster Technologies, hanno pianificato il lancio di occhiali che mostrano sulle lenti le applicazioni installate sullo smartphone.

Questa tecnologia permette di eseguire qualsiasi compito: proiettare le indicazioni stradali su una mappa, riconoscere gli oggetti reali e cercare informazioni sul web, tradurre cartelli e insegne nella lingua desiderata, giocare al proprio titolo preferito. Tutto direttamente davanti agli occhi. Le mani non serviranno per portare in giro il dispositivo, ma per eseguire le gesture. Secondo lo sviluppatore Dave Lorenzini, entro il 2020 il mondo avrà una perfetta “visione aumentata”. Sarà come creare nuovamente Internet, ma all’interno del mondo reale.