QR code per la pagina originale

Robert Moog, un sintetizzatore nel Google doodle

Robert Moog, inventore dell'omonimo sintetizzatore, è celebrato oggi da Google con un doodle interattivo da suonare sul motore di ricerca.

,

Robert Moog è il personaggio celebrato oggi da Google con un nuovo doodle interattivo sulla pagina principale del motore di ricerca, in occasione del 78esimo anniversario della nascita. Il nome suonerà particolarmente familiare agli amanti del rock progressivo, genere nato tra la fine degli anni ’60 e l’inizio del decennio successivo, quando proprio il sintetizzatore moog contribuì a rivoluzionare in modo decisivo composizioni di band storiche come Emerson Lake & Palmer, Yes e Tangerine Dream. Lo strumento giunse in Italia grazie alla Premiata Forneria Marconi, che lo utilizzò per la prima volta nel 1971 all’interno del brano “Impressioni di settembre”.

Nato il 23 maggio 1934 a New York, Robert Moog frequentò in gioventù la facoltà di ingegneria elettronica presso la Columbia University. In seguito agli studi tramutò la propria passione in un lavoro, dando vita al famoso synth nel 1963, ispirato dalle sonorità fino ad allora generate solamente dall’altrettanto celebre Theremin (utilizzato, tra gli altri, dai Led Zeppelin in “Whole Lotta Love”).

Il doodle odierno rappresenta una vera e propria chicca in termini di programmazione. Come accaduto lo scorso anno con l’omaggio a Les Paul, il logo di Google può essere letteralmente suonato. Per farlo è sufficiente un click in corrispondenza dei tasti (in alternativa si possono utilizzare i pulsanti numerici della tastiera), mentre con il mouse è possibile regolare i numerosi potenziometri disponibili, così da applicare una miriade di effetti differenti. Infine, i tasti posizionati sul registratore consentono di salvare la propria esecuzione, riascoltarla e condividerla con i propri contatti attraverso il social network Google+.

Notizie su: ,