QR code per la pagina originale

Google Glass, nuovi dettagli da quattro brevetti

Google ha depositato quattro nuovi brevetti per i Google Glass, ovvero gli occhiali per la realtà aumentata: eccoli nel dettaglio.

,

Google Glass continua a suscitare interesse grazie a nuove informazioni. Si tratta dei particolari occhiali per la realtà aumentata attualmente in fase di sviluppo nei laboratori di Mountain View, mostrati oggi grazie a quattro brevetti depositati presso l’USPTO (United States Patent and Trademark Office), attraverso i quali è possibile capire meglio il modo in cui potrebbe funzionare questo interessante dispositivo una volta giunto sul mercato.

Nello specifico, il primo brevetto riguarda il design e la progettazione del lato destro di Google Glass, ovvero quello più spesso che abbiamo avuto modo di notare grazie alla presentazione di Larry Page. In base a quanto è possibile leggere nella documentazione, questa parte destra ha dimensioni maggiori rispetto a quella sinistra poiché è proprio lì che risiedono tutti i circuiti necessari al funzionamento degli occhiali, compreso il modulo della fotocamera.

Il secondo brevetto riguarda il cosiddetto nose-pad, ovvero un sensore collocato al centro degli occhiali che, si ipotizza, potrebbe far comprendere a Google Glass quando l’utente non li sta più indossando, per impostare automaticamente la modalità stand-by.

Il penultimo dei brevetti depositati da Google presso l’USPTO riguarda l’intervallo (o range) di visualizzazione di contenuti sul display e la direzione dei suoni ambientali, mentre il quarto prevede il possibile inserimento di un secondo vetro che consentirebbe di vedere i contenuti su due pannelli separati. Il futuro della tecnologia in questione continua dunque a delinearsi, ma purtroppo non è ancora stata condivisa alcuna informazione in merito al periodo in cui potrebbe essere commercializzata.

Notizie su: