QR code per la pagina originale

Smartphone, Facebook chiama ex dipendenti Apple

Secondo il NYT, Facebook starebbe pensando di lanciare un proprio smartphone e avrebbe assunto sei ex dipendenti Apple per il progetto.

,

Secondo alcune informazioni raccolte dal New York Times, Facebook starebbe preparando per il prossimo anno il lancio di un proprio smartphone e avrebbe assunto più di una mezza dozzina di ex ingegneri Apple che, nella loro carriera, hanno lavorato a iPhone o iPad. Mark Zuckerberg si sarebbe assicurato così dalla propria parte un team esperto, il quale dovrebbe occuparsi della realizzazione di questo telefono cellulare intelligente con il marchio del social network.

Sarebbe questa la terza volta che Facebook riprova a lanciare un proprio smartphone: il primo tentativo, nel 2010, è andato in frantumi a causa di difficoltà tecniche; il secondo, l’anno scorso e studiato con il produttore taiwanese HTC e nome in codice Buffy, non si sa che fine abbia fatto e se sia ancora in sviluppo.

Secondo gli analisti e gli osservatori di mercato, è piuttosto scontato che in futuro arrivi uno smartphone Facebook: Apple sta per lanciare iPhone 5, Google ha acquisito Motorola, Nokia e Microsoft hanno stretto un accordo per i Windows Phone ma anche Mark Zuckerberg sarebbe interessato a far sua una fetta di questo interessante mercato, quello dei dispositivi mobile, in netta e costante espansione negli ultimi anni.

Del resto, Facebook Mobile ha una struttura molto vicina a un sistema operativo per smartphone, con gestione dei contatti, agenda, libreria fotografica e un ampio parco di applicazioni, introdotte soprattutto con l’Open Graph. Quindi Mark Zuckerberg e il suo staff non dovrebbero incontrare molte difficoltà nel produrre una soluzione proprietaria che possa mettere il Facebookfonino in concorrenza a iOS, Android e Windows Phone.

Con sei ex ingegneri di Apple e un marchio ormai divenuto famosissimo in tutto il mondo, a Menlo Park potrebbero dunque presto sfoderare uno smartphone in cui Facebook non sia soltanto un’app tra le tante, bensì il cuore pulsante di ogni attività svolta. In tale contesto potrebbe peraltro inserirsi Opera, la cui eventuale acquisizione di cui si è parlato nelle scorse ore potrebbe assumere in significato del tutto nuovo.

Notizie su: