QR code per la pagina originale

Guida all’instant messaging: mandare messaggi gratis

Guida all'instant messaging: come mandare messaggi gratis con WhatsApp e le altre applicazioni disponibili per gli smartphone Android.

,

Se fino a pochi anni fa gli operatori telefonici erano pronti a scommettere che gli SMS avrebbero continuato a dominare il mercato della messaggistica mobile per decenni, oggi lo scenario sembra decisamente più incerto. Ancora parte integrante e fondamentale della dieta digitale per la maggior parte dei giovani, gli SMS sono oggi infatti insidiati dai sistemi di messaggistica istantanea push, disponibili per quasi tutti gli smartphone in commercio.

Iniziamo dunque la guida elencando i vantaggi comuni a tutte le applicazioni Android presenti in questa categoria, disponibili per il download tramite lo store ufficiale Google Play.

  • L’account utente è legato direttamente al numero telefonico, permettendo di recuperare i contatti dalla rubrica;
  • i messaggi vengono recapitati in modalità push, consentendo di limitare l’uso della banda ai soli momenti dell’invio e del recapito;
  • il consumo della batteria è ridotto rispetto ai comuni IM, proprio grazie all’utilizzo limitato della connessione dati;
  • possibilità di arricchire i messaggi con contenuti multimediali.

Come scegliere dunque l’applicazione più adatta alle proprie esigenze? Abbiamo preso in esame WhatsApp, Kakao Talk, Kik Messenger e ChatOn, mettendoli a confronto in base ad alcuni parametri: costo, stabilità, affidabilità, funzionalità offerte e diffusione del servizio.

Iniziamo parlando di Whatsapp, certamente il più famoso dei quattro servizi presi in esame. Scaricabile gratuitamente da Google Play, prevede un periodo di prova pari a un anno, mentre per quelli successivi sarà necessario pagare la cifra simbolica di 0,99 dollari. In quanto ad affidabilità Whatsapp è uno dei vincitori: in oltre dodici mesi di utilizzo abbiamo riscontrato rallentamenti nella consegna o nella ricezione dei messaggi solamente in tre o quattro occasioni. A livello di funzionalità l’applicazione permette di effettuare conversazioni di gruppo e arricchire i messaggi con contenuti multimediali ed emoticon. È inoltre possibile abbellire la chat con sfondi personalizzati. Infine, per quanto riguarda la diffusione del servizio, Whatsapp è leader indiscusso: con oltre un miliardo di messaggi scambiati ogni giorno è infatti molto probabile che un buon numero di persone della vostra rubrica lo stia già utilizzando.

Kakao Talk rappresenta una valida alternativa gratuita, sebbene permetta l’acquisto di pacchetti di emoticon aggiuntive al costo di circa 1 dollaro. In questo caso la validità e affidabilità dell’applicazione è sancita dal premio come miglior applicazione di messaggistica gratuita assegnato dalla redazione di Cnet. A livello di funzionalità, oltre alla possibilità di inviare messaggi multimediali e di effettuare chat di gruppo, Kakao Talk dispone di uno store interno attraverso il quale scaricare degli add-on. La diffusione del servizio è buona su piattaforma Android, grazie a una base di oltre 10 milioni di utenti.

Kik Messenger è un’altra alternativa a Whatsapp totalmente gratuita. Anche in questo caso possiamo sottolineare l’affidabilità e la stabilità di un servizio che solo raramente soffre di rallentamenti nella consegna o nella ricezione dei messaggi. Le funzionalità sono piuttosto basilari e l’interfaccia è semplice, minimalista e immediata, tuttavia non manca la possibilità di arricchire il testo con immagini, video e clip audio, così come quella di effettuare conversazioni di gruppo. In questo caso, purtroppo, la diffusione dell’applicazione è ancora piuttosto limitata.

ChatOn, sviluppato da Samsung, è l’unico dei quattro servizi presi in esame ad avere alle sue spalle una grande azienda. Distribuito gratuitamente su Google Play è stabile, affidabile e veloce nella consegna dei messaggi. Tra le funzioni disponibili, oltre a quelle condivise con le altre applicazioni, segnaliamo la possibilità di inviare messaggi animati. La diffusione è ancora abbastanza limitata, sebbene la compatibilità con numerose piattaforme potrebbe, a lungo andare, dare i suoi frutti.

Concludendo, se l’idea di spendere circa 0,75 euro ogni anno non vi spaventa, WhatsApp è certamente l’applicazione leader in questo settore, grazie alla sua affidabilità e soprattutto alla diffusione capillare. Tra le applicazioni gratuite Kakao Talk sembra essere una delle più apprezzate e utilizzate, anche se orientata forse a un pubblico composto principalmente da utenti in età giovanissima. Kik Messenger è invece estremamente facile da utilizzare, senza troppi fronzoli o funzionalità superflue, che potrebbe costituire una valida soluzione a patto di riuscire a convincere i propri amici a utilizzarla. ChatOn, pur dimostrandosi sulla carta come una buona alternativa, non è riuscita invece a convincerci del tutto durante la fase di test.

Attenzione: sebbene la spedizione dei messaggi non sia sottoposta a tariffazione, è necessario essere connessi a Internet sia per inviarli che per riceverli. I costi relativi alla connessione dati sono da considerarsi in nessun caso inclusi nel servizio.

Notizie su: