QR code per la pagina originale

Renaissance Blood THD: recensione e screenshot

La recensione e le immagini esclusive di Renaissance Blood THD, FPS per tablet Android Tegra 3 disponibile da oggi su Google Play.

,

Renaissance Blood THD, l’impressionante gioco sviluppato con Unreal Engine 3 in esclusiva per tablet Android dotati di piattaforma NVIDIA Tegra 3 (precedentemente noto come DaVinci), è finalmente disponibile a partire da oggi su Tegra Zone e Google Play. NCsoft Corporation lo ha reso noto a sorpresa questa notte, e non abbiamo perso tempo per provarlo in anteprima con un ASUS Transformer Prime. Ecco le nostre impressioni e gli screenshot in-game.

Renaissance Blood THD è uno sparatutto in prima persona ambientato nell’epoca Rinascimentale, subito dopo la morte di Leonardo Da Vinci. L’incipit narrativo racconta di misteriose organizzazioni che fanno di tutto per impadronirsi di un progetto segreto realizzato dall’ingegnere fiorentino. Il giocatore è parte di una di queste e, muovendosi all’interno di stage che sembrano usciti da un tour scolastico dedicato alle belle arti, si fa strada a colpi di armi da fuoco, da distanza e contundenti, nel tentativo di recuperare tutti i pezzi del progetto.

Al momento sono disponibili soltanto due livelli, con gli altri oscurati dalla dicitura “Coming Soon”. Evidentemente lo sviluppatore ha in mente di rilasciarli in forma gratuita nelle prossime settimane. Per quanto riguarda il gioco in sé, che supporta anche qualsiasi controller da console, il movimento del personaggio controllato all’interno degli scenari avviene in maniera automatica, con l’utente dunque chiamato solamente a mirare e far fuoco.

Una sorta di shooter su binari quindi, in cui è fondamentale avere sempre riflessi pronti non solo per abbattere i nemici in arrivo, ma anche e soprattutto per raccogliere i vari oggetti presenti nello scenario: punti vita, munizioni, punteggio extra e i pezzi del progetto di Da Vinci. Il gioco diverte e funziona, anche se a volte si ha l’impressione di essere di fronte a una tech demo particolarmente elaborata.

Questo perché l’Unreal Engine 3, lo stesso motore che vediamo in azione su PC, PlayStation 3 e Xbox 360, si presenta in splendida forma regalando un impatto visivo che è molto vicino dall’essere il migliore in assoluto oggi su qualsiasi dispositivo mobile. C’è qualche difetto soltanto in termini di aliasing, da valutare se dovuto solamente alla risoluzione del display o se un compromesso tecnico a cui gli sviluppatori sono dovuti scendere. A parte questo, l’aspetto grafico è certamente la caratteristica più interessante di Renaissance Blood THD, grazie a scenari ben modellati, un impianto di illuminazione di prim’ordine e texture ad abbellire il tutto di alta qualità.

Bello senz’anima? Sarebbe esagerato definirlo così, perché il gameplay, seppur semplice nelle intenzioni, sa essere profondo nella sostanza, grazie agli oggetti da recuperare nelle varie stanze e soprattutto ai tre livelli di difficoltà proposti. Impossibile negare tuttavia che attira più per le sue qualità grafiche che altro, ma considerato il costo poco superiore ai 3 euro ne consigliamo una prova a tutti.

Notizie su: