QR code per la pagina originale

Wii U, la console diventa social

Nintendo ha parlato del Wii U nel suo evento pre-E3 2012: ecco il design definitivo del controller simil-tablet e le funzioni online dal carattere social.

,

In attesa della conferenza per l’E3 2012 di martedì pomeriggio alle ore 18 italiane, Nintendo ha divulgato questa notte dettagli inediti sulla nuova console casalinga Wii U tramite un filmato della durata di 30 minuti in cui il presidente Satoru Iwata ha parlato nello specifico del concept dietro la nascita dell’erede del Wii, della forma definitiva del controller simil-tablet che prende il nome di Wii U Game Pad e di una serie di introduzioni legate all’online dall’anima particolarmente social. E di questi tempi, la casa di Kyoto dimostra di voler stare decisamente al passo, tentando persino l’azzardo.

Andando con ordine, il controller ha subito delle rivisitazioni in termini di costruzione e design in maniera tale da essere più confortevole e comodo nell’uso per l’utente, anche nel caso di lunghe sessioni di gioco. I due circle pad posti in alto alle diagonali dello schermo sono stati sostituiti da pratici stick analogici, che possono essere anche pressati per ricevere due comandi input aggiuntivi, emulando quindi L3 e R3 delle piattaforme PlayStation. Dal punto di vista ergonomico sono state apportate delle modiche sul retro dell’accessorio, così da migliorarne la presa, e e sul layout dei pulsanti, sistemati in una zona meglio accessibile. Inserito anche un lettore-scrittore NFC e un pulsante per lo streaming dal TV.

Il Wii U Game Pad potrà infatti essere utilizzato anche a console spenta come telecomando universale per televisori, decoder, lettori multimediali e altri dispositivi del genere presenti in salotto. Alcuni giochi (non è stato chiarito infatti se tutti o solo quelli che ne supporteranno la funzione) potranno essere eseguiti direttamente sul display touchscreen del controller, lasciando quindi la TV libera ad altri componenti della famiglia e coinquilini.

Nel dettaglio, le differenze tra il prototipo dello scorso anno e la versione definitiva del Wii U Game Pad.

Iwata ha però lasciato intendere anche qual è il concetto attorno al quale è stato pensato Wii U: una macchina sociale, che in tempi in cui la tecnologia sembra aver reso le persone schiave dei loro dispositivi, la nuova console Nintendo proverà a riunire tutti, esattamente come Wii fece alla grande nei suoi primi anni di vita. Il presente che vuole elementi social sparsi praticamente ovunque fa parte di questa strategia.

È qui che nasce Miiverse, una sorta di evoluzione della “Piazza Mii” che si è potuta ammirare su Nintendo 3DS, e che funziona in pratica come un social network interno dedicato a tutti i giocatori Wii U e 3DS ma non solo, visto che sarà accessibile anche da PC e dispositivi multimediali in grado di connettersi al web. All’accensione della console, il giocatore vedrà il proprio Mii, se il sistema è connesso a internet, all’interno di una piazza virtuale in cui possono essere visualizzati non solo i propri amici, ma anche persone da tutto il mondo con le quali scambiare messaggi e amicizie.

Ecco come apparirà Miiverse sul display del proprio Wii U.

Nintendo ha inoltre creato una finestra social specifica in cui gli utenti potranno richiedere immediatamente un suggerimento per sconfiggere magari il nemico di turno. Si potrà persino contattare direttamente uno di loro e avviare una video-chat nel caso ovviamente l’altro sia d’accordo.

Insomma, di carne al fuoco dal punto di vista del concept e delle funzionalità online, racchiuse generalmente nel nuovo Nintendo Network, ce n’è davvero tanta, forse anche oltre le aspettative. Adesso occorre capire la reale potenza della macchina e la disponibilità di giochi, che saranno la parte centrale della conferenza di martedì pomeriggio. Una cosa è sicura: Nintendo punta ancora a una rivoluzione. Un’altra.

Fonte: The Verge • Notizie su: ,